CESENA. Nuovo avvicendamento online tra i Codici manoscritti della Biblioteca Malatestiana. Dopo la pubblicazione delle opere di Galeno, medico della Grecia antica, appartenenti a Giovanni di Marco, medico riminese di Novello Malatesta, nella teca virtuale di Cesenacultura (http://www.comune.cesena.fc.it/cesenacultura/manoscritti-online) approda un altro Codice riccamente decorato e risalente al ‘300. Si tratta di “Giustiniano, Infortiatum cum apparatu Accursii”, databile tra il 1331 e il 1340, che presenta una scrittura bononiensis eseguita da un solo copista. Sfogliando il Codice il lettore può scorgere segni a forma di mano disegnati ai margini di una pagina per evidenziare un passaggio del testo, ma anche segni di paragrafo e titoli in rosso e blu. Nei margini invece si trovano postille e commenti al testo. Nel codice sono presenti 3 grandi scene illustrate, 13 più piccole quasi sempre accompagnate da lettere iniziali istoriate che illustrano il contenuto dei singoli libri e 5 riquadri con soggetti di flora e fauna. Le miniature, opera di uno stesso artista, sono dovute alla mano dell’“Illustratore” che lavora nella prima metà del  ‘300. Le scene hanno  fondali molto semplici e con architetture lineari, ma è straordinaria la vivacità con cui sono resi i paesaggi, le piante, gli alberi, gli animali, ma soprattutto i personaggi, dai volti così ben delineati da potersi quasi definire ritratti se non addirittura caricature.

Argomenti:

Biblioteca Malatestiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *