L’ospedale di Cesena sta uscendo dalla pandemia

Con i contagi che sono in regresso e le vaccinazioni che avanzano l’ospedale Maurizio Bufalini sta marciando spedito verso un ritorno auspicato alla normalità. Qualcosa che non sia concentrato esclusivamente sulle potenziali letali problematiche del coronavirus ma che torni ad affrontare tutto il variegato universo di patologie che affliggono il cesenate ed il comprensorio.

Già ad inizio settimana c’era stata una prima fase riorganizzativa. Ieri ne è scattata un’altra diventando completamente operativa. Così ad ora sono rimasti “soltanto” 40 posti protetti Covid in tutto l’ospedale. Nel momento della massima emergenza si era arrivati fino a 163 posti covid dedicati tra intensiva, subintensiva e Rianimazione.

Letti che ora stanno tornando alle normali attività.

Tutta le postazioni Covid saranno ora concentrate al sesto piano del corpo del bufalini.

Da ieri è stata chiusa la degenza Covid del 1° Piano nel padiglione geriatrico e contestualmente è stata riaperta la sezione di Lungodegenza. Che progressivamente tornerà ad essere utilizzabile fino alla capienza massima normale di 20 posti letto.

I pazienti Covid che erano ancora i questi spazi sono stati spostati tra il sesto ed il settimo piano e sono stati presi in carico dalla medicina interna.

Sempre da ieri sono state disattivare le degenze Covid di subintensiva al 7° Piano (gli spazi di quella che prima era l’Unità di terapia intensiva coronarica), chiusa la subintensiva Covid 4° Piano scala B in questa zona adesso potranno essere ricoverati i pazienti non covid sempre in gestione alla Anestesia e Rianimazione. L’assetto delle degenze ospedaliere comunque continuerà a mutare di pari passo con l’andamento epidemiologico e con le necessità che si renderanno di volta in volta necessarie all’interno dell’ospedale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui