Strade deserte a Ravenna per le festività natalizie a causa della pandemia (foto Massimo Fiorentini)

L’Emilia Romagna, in zona arancione da oggi, rischia di passare presto in zona rossa se il Governo – che pensa a un’estensione dello stato di emergenza in scadenza a fine mese a marzo o a luglio e che nei prossimi giorni varerà un nuovo dpcm – farà proprie le indicazioni dell’Istituto superiore di Sanità. In base alla proposta avanzata (già condivisa dal Cts ma che dovrà essere discussa domani in un incontro già fissato con le Regioni, confronto a cui parteciperà anche il ministro della Salute, Roberto Speranza) si fa strada l’ipotesi di un’ulteriore stretta legata all’incidenza settimanale dei contagi: se questa dovesse essere superiore a 250 casi ogni 100mila abitanti scatterebbero automaticamente le misure più restrittive del lockdown. Proprio ieri lo stesso Iss aveva lanciato l’allarme sul rischio legato ad un allentamento delle restrizioni: sulla base di uno studio fondato sui dati della prima ondata e pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Science of the United States, farlo quando l’incidenza delle infezioni da covid è ancora alta può portare ad un rapido nuovo picco dei casi, e quindi dei ricoveri, anche con un indice Rt inferiore a 1.

Argomenti:

istituto superiore di sanità

stretta

zona rossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *