L’ex procuratore sull’ergastolo a Cagnoni: “Indagine ineccepibile”

“Condivido quanto espresso dalla Procura generale nel definire l’accusa ‘invincibile'”. Così l’ex procuratore capo Alessandro Mancini – da pochi giorni insediatosi alla Procura Generale a L’Aquila – commenta la condanna definitiva all’ergastolo nei confronti di Matteo Cagnoni, per l’omicidio della moglie Giulia Ballestri. “L’impianto accusatorio, come emerso già dalle indagini e durante il processo in Corte d’Assise, si è rivelato solido e granitico e ha trovato il vaglio da parte della Corte di Cassazione”. Per questo esprime “soddisfazione sotto il profilo professionale e dal punto di vista dell’esito processuale. Giustizia è stata fatta per questa povera donna vittima di un omicidio efferato”.

Per Mancini la condanna del medico 54enne è stata possibile grazie a “un’indagine ineccepibile seguita dal sostituto procuratore Cristina D’Aniello, che fin dall’inizio ha avuto un’intuizione investigativa, valutando correttamente come fosse inconcepibile che una madre svanisse nel nulla abbandonando i figli”. Infine un ultimo plauso “alla polizia giudiziaria e ai collaboratori” che hanno lavorato per raggiungere la verità in “una vicenda così grave da avere avuto una risonanza nazionale”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui