L’ambasciatrice di San Marino: “La mia udienza con la Regina Elisabetta”

«Dieci minuti al cospetto della regina, il suo sorriso sapeva rassicurare». Questo il ricordo che serba di sua maestà la regina Elisabetta, scomparsa in Scozia giovedì all’età di 96 anni, l’ambasciatrice di San Marino Silvia Marchetti che l’ha incontrata nel 2018, nel corso di un’udienza privata durante la quale ha presentato le lettere credenziali che l’accreditavano come ambasciatore presso il Regno Unito. A seguire la stessa sera l’ha incontrata di nuovo a Buckingham Palace nel corso dell’incontro con il corpo diplomatico.

Inchino e preparativi

«Ma è stato durante l’udienza privata di una decina di minuti che – rammenta l’ambasciatore – ho potuto avere un colloquio con la sovrana che conosceva bene il mio Paese. Era un contesto formale scandito dal rigore protocollare, dove nulla poteva essere lasciato al caso, dall’inchino ai preparativi, ma anche sotto l’aspetto umano – sottolinea – il ricordo che ho è molto piacevole, perché la regina mi ha fatto sentire a mio agio». E rimarca: «Nonostante la fisiologica apprensione, al pensiero di incontrare una figura dall’altissimo profilo istituzionale, sua maestà ha saputo creare un’atmosfera di normalità anche semplicemente con il suo sorriso», conclude.

L’onorificenza

«Con la sua morte, è finita un’era», commenta l’ex Reggente Giacomo Simoncini che nel marzo 2021 si recò in visita a Londra, con il collega Francesco Mussoni ed altre 8 figure istituzionali. L’atto più significativo del viaggio, come spiega Simoncini, fu il conferimento alla Regina del Gran collare dell’Ordine equestre di San Marino, omaggio che mancava ad Elisabetta, mentre era già stata assegnato al padre, sua maestà Giorgio 6° il 20 febbraio del 1937. «La regina non poté presenziare per motivi privati e – ricorda il 27enne – a ricevere l’onorificenza fu il segretario personale», spiega evidenziando che, varcare la soglia del palazzo equivalse ad entrare in una città nella città, a fronte di una grande emozione». Durante il mandato, compreso nel semestre dal 1° ottobre 2021 al 1° ottobre 2022, seguì un altro mancato incontro in Scozia, nel novembre dello stesso anno durante la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici dove – conclude l’ex Capo di Stato – intervennero tuttavia il principe di Galles Carlo e il figlio maggiore William. Sarebbe stato un privilegio conoscerla».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui