Jazz e folk a Balamondo con Danilo Rea e Máirtín O’Connor

Passata l’eco di “Acquarello” e di “Ciao mare” cantate da Mirko Casadei e Popular folk Orchestra insieme alla star Toquinho, a Gatteo a Ferragosto, Balamondo, incontro fra musica di tradizione Casadei e musiche del mondo in 15 concerti, prosegue stasera alle 21 e domani alla Rocca Malatestiana di Cesena. Stasera incontra il jazz; di levatura è il trio capitanato dal pianista Danilo Rea insieme al contrabbasso Ares Tavolazzi e alla batteria di Ellade Bandini. Tre jazzisti di lungo corso con cui Mirko e orchestra interagiscono con fare imprevedibile, proprio nel giorno delle 50 primavere di Mirko. «Festeggio i miei 50 in musica, insieme all’abbraccio del pubblico di questo genetliaco speciale. Musicalmente assecondiamo lo spirito dei jazzisti con la carta dell’improvvisazione eseguendo pezzi insieme un po’ a sorpresa. È qualcosa che deve nascere anche dall’istinto. Del resto – continua – folklore e jazz hanno punti di incontro più di quanto non si creda, pensiamo ai soli del nostro clarinetto in do e sax tipici del liscio. Credo insieme nasceranno sorprese».

Balamondo 2022

Non è ancora completo il cartellone; sabato 20 alla Rocca cesenate sono ospiti i romagnoli Lennon Kelly e si respirano atmosfere d’Irlanda con il fisarmonicista Máirtín O’Connor insieme a una band con Cathal Hayden violino e banjo, e Kevin Doherty chitarre e voce. Molte le collaborazioni di O’Connor (Rod Stewart, Elvis Costello, Mark Knofler…), ha pure partecipato allo spettacolo teatrale Riverdance basato su musica e danze tradizionali irlandesi. I ballerini della scuola riminese “Balla con me” portano le danze romagnole. Tre date di richiamo sono a Rimini in piazza Cavour il 2, 3 e 4 settembre. Venerdì 2 arrivano Bandabardò con Cisco (Stefano Bellotti) in tour con la band dopo la morte di Erriquez (Enrico Greppi); data clou sabato 3 settembre con il cantautore Max Gazzè, mentre domenica 4 arrivano i Rumba de Bodas autori di un folk che vira anche nel soul e funky, e una versione ska di “Ciao mare”. Mercoledì 7 settembre appuntamento alla Torre di Oriolo a Faenza con Babbutzi Orkestar fra Italia e Balcani. Con loro la tromba di Eusebio Martinelli e i Nema Problema. La festa prosegue venerdì 9 nella sammaurese Villa Torlonia con la musica balcanica dell’amato Emir Kusturica e la sua The No Smoking Orchestra; a Cattolica sabato 10 settembre in piazza 1° Maggio ci sono i Modena City Ramblers. Balamondo sarà pure a Ravenna il 17 e 18 settembre, alla Engim ex azienda Mario Marani con ospiti da definire (forse Branduardi).

Mirko scrittore e cantautore

«Dopo l’estate – dice Mirko – continuiamo a presentare il mio libro “Il figlio del re” (Bompiani Overlook) scritto con Zibba; ci tengo perché mi rapporto con Raoul come figlio, cresciuto con la musica Casadei dentro, ma arrivato a scegliere l’orchestra solo dopo avere sperimentato attività diverse, come la Nave del Sole dove mi sono fatto le ossa fino a prendere il timone in mano occupandomi di tutto, dal pesce fritto all’animazione. Dove ho imparato, prima di tutto, cosa significa il contatto umano. Ho anche vissuto i cambiamenti dell’Orchestra Casadei, gli scontri duri fra i musicisti, ho sostenuto punti di vista anche in disaccordo Raoul; mentre, giovanissimi, Sabrina ed io diventavamo genitori e ora anche nonni. Nel frattempo con il cantautore Zibba mi sto sperimentando da autore- paroliere di nuove canzoni, in forma più cantautorale ma con il sound di tradizione folk. Io inizio il lavoro, Zibba mi aiuta a concluderlo». Euro 4.50.

Info: 348 9491101

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui