Italia Nostra, esposto contro la Beach Arena di Rimini

La Rimini Beach Arena, davanti alla Colonia Bolognese, nel mirino di Italia Nostra. L’associazione comunica di aver presentato un esposto al Comune di Rimini e all’Autorità giudiziaria. Secondo Italia Nostra la spiaggia libera rimane transennata anche nei giorni in cui non si svolgono i concerti e le iniziative concordate

“A partire dal 15 luglio e per i successivi 40 giorni – spiega Italia Nostra – , l’area davanti alla Colonia Bolognese, la più grande spiaggia libera della città, è stata occupata dai concerti organizzati nella Rimini Beach Arena.
Italia Nostra aveva posto immediatamente il problema dell’occupazione di 
quest’area da parte di una organizzazione invasiva: le ragioni non sono 
da ricercare nella volontà di colpevolizzare il divertimento, ma 
piuttosto nella consapevolezza che la spiaggia libera, proprio perché 
‘libera’, non è uno spazio vuoto da riempire con iniziative più o meno 
‘divertenti’, quanto piuttosto un luogo da salvaguardare con politiche 
diverse, perché appartiene di diritto alla storia di Rimini.
Avevamo chiesto all’amministrazione l’accesso alla documentazione che 
regolamentava l’organizzazione degli eventi e dalla quale emergeva che 
la società responsabile si impegnava a mantenere nei giorni non 
destinati ai concerti libero accesso alla spiaggia. Dai molti 
sopralluoghi fatti dai nostri volontari in questi giorni è emerso che 
ciò non è avvenuto e che anzi l’area è stata permanentemente 
transennata. Le barriere che da precisi impegni avrebbero dovuto essere 
montate e rimosse in prossimità delle date dei concerti sono sempre 
rimaste al proprio posto come risulta dal ricco dossier allegato 
all’esposto che questa mattina abbiamo presentato. Anzi, in occasione 
della bufera che ha colpito il litorale tra il 2 e 3 agosto sono state 
anche fonte di pericolo.
Italia Nostra non può accettare che ciò sia permesso e che l’aggettivo 
‘libera’ sia inteso come svincolato da qualsiasi regola e a completa 
disposizione di chi la occupa.
E’ per questa ragione che oggi abbiamo denunciato, al Comune di Rimini e 
all’Autorità giudiziaria con un esposto formale la situazione, 
augurandoci un intervento rapido delle autorità preposte e un 
ristabilimento immediato delle regole”.

                                               

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui