Ippica, Vernissage Grif e un facile bis all’Europeo di Cesena

Tutto come previsto. Dodici mesi dopo Vernissage Grif risolve la pratica del campionato Europeo numero 87 ancora in due sole prove ed in modo ancora più semplice rispetto all’edizione 2020.

Sul circuito Free for all, non ci sono al momento avversari all’altezza del cavallo di Gennaro Riccio. Se a Montecatini si erano arresi al suo strapotore Zacon Giò e Billie de Monfort, ieri al Savio non c’erano avversari neppure all’altezza di questi due, cosa risaputa dai pronostici e confermata dalla pista.

Ad esempio, ieri nella seconda prova Night Brodde ha preso subito la testa ma l’ha ceduta al termine della prima curva al favorito, che l’ha conservata in scioltezza fin sul traguardo, anche se il rivale ha cercato di avvicinarlo negli ultimi 100 metri. Terzo posto, e secondo nella classifica finale, per un ottimo Generaal Bianco.

La prima heat

Il primo recital di Vernissage Grif risultava ancora più semplice del previsto dal momento che, al comando della corsa, si portava il compagno di allenamento Generaal Bianco, a cui erano state sufficiente poche battute per scavalcare il più atteso Deimos Racing. Dalle retrovie, il figlio di Varenne muoveva e già dopo mezzo giro era il nuovo battistrada. La posizione esterna di Arnas Cam non poteva creare al leader, che moderava leggermente il ritmo per poi allungare con decisione ai 500 finali e fare passerella con il ragguaglio finale di 1.11.9. Al secondo posto restava Generaal Bianco davanti a Deimos Racing mentre quarto finiva un altro portacolori del team Gocciadoro, Verdon Wf.

Storico Gocciadoro

Per Alessandro Gocciadoro è il quarto successo consecutivo: come lui, nessuno mai. Alla tripletta si erano fermati Vivaldo Baldi (dal 1976 al 1978), Johannes Frömming (dal 1968 al 1970) e Sergio Brighenti (dal 1961 al 1963), che resta il recordman con 7 successi totali.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui