Bruciate a Ravenna le 14 tonnellate di droga dell’Isis sequestrate nel porto di Salerno dalla Guardia di finanza di Napoli. Il maxi sequestro di anfetamine provenienti dalla Siria risale al giugno scorso e dopo gli accertamenti nella notte il carico di 84 milioni di pasticche (per un valore di mercato superiore al miliardo di euro) è stato scortato dalla Campania fino in città per la distruzione. Il convoglio di due autoarticolati (che ha portato all’inceneritore anche le 2 tonnellate di hashish sequestrate dalle Fiamme gialle poche settimane prima) ha impiegato nove ore prima di giungere all’alba in città e durante tutto il viaggio è stato scortato da mezzi terrestri e aerei della Finanza.

Argomenti:

droga

Guardia di Finanza

inceneritore

Isis

ravenna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *