Aumenta il numero degli italiani che sempre più si rivolgono agli interventi edilizi per la realizzazione del cappotto termico nella propria abitazione. Tra l’altro questi lavori vengono favoriti anche dalla possibilità di usufruire di alcune detrazioni molto importanti. Oggi i nostri connazionali sembrano aver capito maggiormente quanto sia pratica e vantaggiosa la soluzione del cappotto termico, in modo da avere una casa che d’inverno sia calda e che in estate assicuri una certa frescura. Il cappotto termico è molto importante anche per ciò che riguarda il risparmio energetico, aspetto tenuto molto in considerazione sia per evitare gli sprechi e quindi per risparmiare, sia per poter dare un contributo fondamentale alla sostenibilità ambientale. Ma vediamo di capire che cos’è esattamente il cappotto termico e quali vantaggi riesce a portare l’isolamento di una casa.

Che cos’è il cappotto termico

Per la realizzazione del cappotto termico prezzi più convenienti possono essere ottenuti, facendosi rilasciare un adeguato preventivo, in modo da verificare, attraverso il confronto dei costi, se gli interventi che bisogna mettere a punto siano in linea con il budget a disposizione.

Isolare con il cappotto termico una casa significa applicare dei pannelli isolanti all’esterno dell’abitazione, in particolare sulle pareti o sul tetto. Di conseguenza in questo modo si possono eliminare i cosiddetti ponti termici, quelle aree in cui facilmente si possono verificare delle infiltrazioni d’aria.

Si tratta per esempio di isolare soprattutto negli angoli, nelle giunture dei serramenti, che spesso si prestano a delle infiltrazioni molte volte causa della comparsa di muffe e di alterazioni della temperatura interna.

È molto facile provvedere all’isolamento termico attraverso il cappotto esterno ad una casa, se ti rivolgi ad una ditta specializzata e se esegui questi lavori nell’ambito della ristrutturazione del tuo appartamento.

Quali sono i vantaggi che si possono ottenere

Ma quali sono i vantaggi della realizzazione dell’isolamento assicurato dal cappotto esterno? Soprattutto si tratta di una convenienza legata alle esigenze abitative di una casa. Infatti, poiché con l’isolamento si limitano le infiltrazioni di aria, la temperatura all’interno della casa rimane costante.

Puoi badare pure ad eliminare le eventuali infiltrazioni di acqua e questo è molto utile perché porta all’eliminazione di muffe e alla comparsa di macchie sulle pareti o sul tetto.

Ma pensiamo a quanto può essere davvero conveniente già il solo fatto di mantenere la temperatura costante all’interno della propria abitazione, perché tutto ciò porta a sprecare meno energia utilizzata per il riscaldamento interno. Quindi questa operazione si traduce in un risparmio in bolletta non indifferente.

Ci sono poi dei vantaggi più specifici legati al valore che la casa acquista. Di solito la realizzazione del cappotto termico esterno assicura una maggiore efficienza energetica, quindi aumenta anche la classe energetica della tua abitazione, facendo in modo che, se vuoi venderla, avendo un valore più alto sul mercato, puoi ricavare anche un guadagno più alto. In generale migliora tutto il comfort abitativo domestico.

Quali sono i materiali utilizzati

Molto importante è la scelta dei materiali da utilizzare per la realizzazione del cappotto termico. Quelli che vanno per la maggiore sono soprattutto i materiali naturali, come la fibra di vetro, il sughero, la lana di roccia o la fibra di legno.

A volte vengono impiegati anche materiali sintetici, perché anche questi sono dei buoni isolanti. Tra i materiali sintetici più utilizzati, possiamo ricordare il poliuretano e il PVC.

Un tecnico specializzato saprà consigliarti anche lo spessore dei pannelli necessario a garantire un maggiore isolamento. Di solito questa caratteristica è una delle più rilevanti, anche perché ci si può muovere bene nell’aumentare lo spessore, visto che i pannelli vengono applicati nello spazio esterno della casa. In generale si parte da uno spessore minimo di 5 centimetri per arrivare anche ai 24 centimetri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *