In aereo da Forlì a Lourdes o Medjugorje: le nuove frontiere dell’aeroporto

Le nuove tratte e i voli futuri dell’aeroporto di Forlì saranno illustrati a dicembre e punteranno su tre fronti: traffico vacanziero, turismo religioso e turismo etnico.
«Il turismo religioso sta crescendo in maniera esponenziale e sta tornando ai livelli prepandemici – spiega Gilardi – mete come Lourdes o Medjugorje sono gettonate ma raggiungibili solo da pochi aeroporti. Per intercettarlo abbiamo avviato contatti con le diocesi e con le parrocchie. Inoltre il prossimo anno la Giornata mondiale della Gioventù si svolgerà a Lisbona e ci sono richieste per circa duemila giovani».
Un terreno fertile è rappresentato anche dai voli che guardano alle comunità di immigrati che gravitano sulla Romagna come l’Albania che rappresenta già una meta molto richiesta. «Anche i collegamenti con la Romania potrebbero essere una meta importante, vista la presenza di comunità numerose in Italia e nelle nostre zone».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui