Impronta ecologica: come l’Africa farà la sua svolta green

Il mondo cambia, e lo fa in fretta. Mancano meno di 30 anni e la fotografia che il pianeta avrà nel 2050 sarà radicalmente diversa. Prima, negli anni ottanta, erano i blocchi contrapposti di Usa e Urss a farla da padrone, poi è arrivata la multipolarità degli anni duemila, con la forza preponderante del Sudest asiatico. Un peso di non poco conto anche per la sostenibilità. E nel 2050 il mondo cambierà ancora: basti pensare che un abitante su 4 sarà africano e un bimbo su 13 sarà nigeriano.

Se non ci saranno variabili in grado di arrestare lo sviluppo dei Paesi emergenti, si raggiungerà quota 10 miliardi di abitanti. E tutto questo non si può derubricare a una mera storia d’anagrafe: va tutto declinato sull’impronta ecologica che l’aumento della popolazione porterà sul pianeta.

Assicurare accesso all’energia a tutti in un modo efficiente e sostenibile è la sfida principale del settore energetico nel processo di transizione verso un futuro low carbon. Le stime dell’Agenzia internazionale dell’Energia (AIE) mostrano che nei prossimi anni la domanda di energia continuerà a crescere soprattutto nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo a causa dell’aumento della popolazione, della crescita economica sostenuta e di fenomeni quali l’urbanizzazione e lo sviluppo delle infrastrutture. Allo stesso tempo, il cammino verso le zero emissioni nette è stretto, ed è richiesto il più ampio dispiegamento possibile di tecnologie pulite ed efficienti per contrastare il cambiamento climatico. Un cambiamento radicale è essenziale per ridurre le emissioni di CO2 in settori specifici, come quello dei trasporti, che tradizionalmente si sono basati sui combustibili fossili, a favore dei biocarburanti. Sono loro a giocare un ruolo centrale nell’impegno di Eni, che proprio in Africa sta lavorando per portare tecnologia, know-how ed esperienza per sviluppare diverse soluzioni energetiche. In questa direzione vanno gli accordi firmati con Kenya, Angola e Repubblica del Congo per lo sviluppo del settore degli agro-biocarburanti, così come gli incontri recenti dell’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi con il presidente del Benin e quelli di Mozambico e Ruanda.

In questo contesto, fondamentale è anche l’accordo triennale sottoscritto da Eni con l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili (IRENA) per accelerare la transizione energetica nei paesi esportatori di fonti fossili. I due partner promuoveranno l’integrazione del continente africano nella catena del valore dei biocarburanti. E se il mondo avrà il suo picco di abitanti nel 2050, l’azienda italiana (che ha un profondo radicamento in Romagna) prevede di aumentare la produzione delle bio-raffinerie a 2 milioni di tonnellate entro il 2024 e a 5-6 milioni di tonnellate entro il 2050, passando per l’eliminazione dell’uso dell’olio di palma entro il 2023.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui