Imola, teatro contro le discriminazioni: va in scena il gran finale

Un evento laboratoriale pubblico conclude a Imola il progetto europeo contro le discriminazioni, oggi dalle 9 alle 13, nella sala “Dopo di noi” della Fondazione Santa Caterina a Imola. Si chiude dunque il progetto europeo Erasmus+ Creative Action against Discrimination, sviluppato nel 2021 sul territorio imolese, con lo scopo di sensibilizzare ai temi della discriminazione e del razzismo, attraverso pratiche e azioni creative, come il teatro. Tenuto dalla cooperativa sociale Giolli di Parma, in collaborazione con la cooperativa sociale Cidas, il progetto è stato finanziato dalla Comunità Europea e si è svolto con partner internazionali come Stand 129 Kulturhaus Brotfabrik di Vienna (Austria), Sos Racismo Gipuzkoa (Spagna), Fondazione Artemisszió (Ungheria).

La finalità è stata quella di immaginare e realizzare percorsi di formazione innovativi e laboratori creativi e teatrali con metodi e strumenti artistici, sul tema del superamento delle discriminazioni. «Quello finale sarà un evento pubblico che risponderà alla domanda: si può fare teatro contro la discriminazione? Durante la mattinata – spiega Massimiliano Filoni di Giolli – presenteremo il toolkit, un corredo di strumenti sul teatro come mezzo di contrasto al razzismo e assieme ai partecipanti sperimenteremo le tecniche implementate, attraverso un laboratorio teatrale condotto da Roberto Mazzini». Questo momento è rivolto a tutti, in particolare educatori, volontari, insegnanti, formatori, formatori teatrali, operatori sociali, membri di associazioni, a chi si occupa di formazione degli adulti e a chi sia interessato a ricercare un approccio creativo nel campo della lotta alla discriminazione. «Cidas a Imola gestisce i progetti di accoglienza del Nuovo circondario e parteciperà con i propri operatori per condividere un momento di apprendimento e messa in gioco. Siamo lieti – afferma Francesco Grossi, coordinatore dei progetti di accoglienza e integrazione della cooperativa – di aver contribuito allo sviluppo di questo progetto perché promuove, attraverso una pratica collettiva, una modalità creativa per trovare, nelle differenze, ciò che ci avvicina».

Per informazioni e iscrizioni: teatro-forum@giollicoop.it o 339 2294412. Per partecipare serve il Green pass.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui