Rubano in panetteria e bigiotteria. Arrestati da una Volante

IMOLA. Hanno forzato le porte ed i registratori di cassa di una panetteria e di un negozio di bigiotteria, arrestati da una Volante del Commissariato. In manette sono finiti due cittadini extracomunitari. In rapida successione, l’altra notte, hanno forzato prima la porta d’ingresso del forno di via Mazzini dove hanno portato via pochi spiccioli. Si sono quindi spostati in via Emilia, dove hanno messo gli occhi sulla “Gardenia bianca”, piccolo negozio di bigiotteria. Anche qui con relativa facilità hanno forzato la porta d’ingresso ed hanno prelevato alcuni ciondoli di poco valore. Dell’incursione è stata avvisata la polizia che si è subito messa sulle loro tracce. Un intervento velocissimo che ha permesso alla pattuglia di rintracciare i due balordi ed arrestarli nel volgere di pochi minuti. Portati in ufficio, nel pomeriggio di ieri sono comparsi in tribunale per il processo per direttissima. La refurtiva è già stata subito riconsegnata dalla polizia ai legittimi proprietari.

E probabilmente voleva mettere a segno azioni simili l’automobilista incappato in una pattuglia della polizia locale impegnata nei servizi di controllo del rispetto dei divieti per il contrasto al Covid. Tra i sedili e il vano porta oggetti dell’auto condotta da un 30enne cittadino albanese residente a Castel Bolognese, infatti, le divise municipali hanno trovato e sequestrato pinze, svariati cacciaviti e un taglierino, insomma il kit del perfetto scassinatore di cui non ha saputo dare spiegazioni sul possesso. L’uomo è stato denunciato per possesso ingiustificato di attrezzi atti ad offendere. Ovviamente è stato sanzionato anche per essersi allontanato dal comune di residenza, senza un giustificato motivo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui