Imola, oli di semi in esaurimento: “Se ne può prendere solo una latta per spesa”

È difficile dire con precisione dove arrivino gli effetti del conflitto in Ucraina ma alcune conseguenze si notano già sulla lista della spesa degli imolesi fin sugli scaffali dei grossisti. Da qualche giorno, infatti, al Grosmarket Sogegross, il self-service all’ingrosso da cui si riforniscono molti ristoratori imolesi, è spuntato un cartello nel reparto degli oli di semi. Si potrà acquistare una sola latta a spesa, non di più, perché è sempre più difficile reperirlo.

Oli di semi

È stata una sorpresa per Marino Pasquali, titolare della tenuta di Poggio Pollino sulle colline imolesi. «Qualche giorno fa ho visto un cartello appeso nello scaffale dell’olio di semi di girasole – racconta –. Se ne può prendere un solo cartone a spesa, 20 chili in tutto. Molti hanno cominciato ad avvisare del problema, il prezzo è già cresciuto del 20%. Molto dell’olio di semi viene dall’Ucraina, anche con il grano avremo problemi».

La parola Ucraina non è indicata da nessuna parte in realtà, sul foglio si legge la causa è lo «scarso approvvigionamento». Il gruppo al momento preferisce non rilasciare dichiarazioni ma gli effetti sono alla luce del sole. «Abbiamo avuto a pranzo alcuni del Sogegross – racconta Maria Grazia Liberti, socia del ristorante Il Campanaccio –. Dicevano che l’hanno finito e non è più possibile ordinarne in grandi quantità. Abbiamo fatto un ordine ma ora si va a singoli cartoni, per questo dobbiamo comprarne anche altrove».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui