Imola, non lo vedono al lavoro e chiamano il 118, ma era stato arrestato

 Quando i colleghi non l’hanno visto al lavoro si sono preoccupati e hanno chiamato il 118, temendo che potesse aver avuto un malore in casa. In realtà l’uomo, un 33enne di origini napoletane, non poteva andare a lavorare perché era stato arrestato domenica dalla Polizia stradale di Todi, in provincia di Perugia, per detenzione ai fini di spaccio, in quanto era stato trovato in possesso di 200 grammi di hashish. Ora, fanno sapere i carabinieri, per il 33enne, residente a Imola, la situazione si è ulteriormente complicata, perché ieri i militari imolesi, entrati in casa sua dopo che gli operatori del 118 e i Vigili del fuoco non avevano trovato nessuno nell’abitazione, hanno scoperto altra droga e alcune piante di marijuana. In particolare, i Carabinieri hanno trovato cinque piantine, dei semi e circa due chili di hashish, oltre a materiale per il confezionamento e un bilancino.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui