Imola, la Clai dona per le feste 200mila pasti al Banco Alimentare

Clai rinnova per il terzo anno consecutivo la collaborazione con la fondazione Banco alimentare per distribuire alimenti pari a 200 mila pasti gratuiti alle persone in difficoltà in tutta Italia attraverso le strutture caritative convenzionate. Sono purtroppo sempre più numerose le famiglie che vivono situazioni di reale disagio economico e sociale: dall’inizio dell’anno a oggi ben 85 mila persone in più rispetto all’anno scorso – per un totale di quasi un milione e 750.000 – si sono rivolte a una delle 7.600 strutture caritative che vengono sostenute da Banco alimentare in ogni regione del Paese.

«Nonostante si lavori sempre intensamente, in Clai riflettiamo spesso su quali iniziative possano rivelarsi maggiormente utili per donare momenti di sollievo a più persone possibili – sottolinea Giovanni Bettini, presidente della cooperativa –. In vista delle feste di fine anno abbiamo quindi deciso di rinnovare una collaborazione che ha sempre dato ottimi riscontri grazie anche alla forza e alla capillarità della rete costruita da Banco alimentare, che riesce a valorizzare al massimo l’impegno che la nostra cooperativa mette con gioia a disposizione. La solidarietà ha bisogno di chi sa compiere gesti concreti».

«Siamo felici che Clai ancora una volta abbia scelto Banco alimentare come charity partner per la sua campagna natalizia, probabilmente la più importante dell’anno – commenta Giovanni Bruno, presidente della fondazione –. Soprattutto in un momento come quello attuale, segnato da una profonda crisi economica e sociale, abbiamo bisogno di partner fedeli e affidabili con cui condividere il nostro costante impegno a sostegno di chi è in difficoltà. Il nostro obiettivo è da sempre quello di ridare fiducia e speranza alle persone meno fortunate e possiamo raggiungerlo solo facendo squadra con chi realmente si mette in gioco con noi e ci resta vicino».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui