Imola, l’abbraccio del mondo dello sport alla famiglia di Zappi

Uno degli ultimi ricordi davvero felici e speciali per Gianni Zappi è racchiuso nella foto a fianco datata 27 febbraio 2021. Quel sabato pomeriggio, ad Alessandria, per una volta Giannetto tornò a vestire i panni del tecnico, precisamente da assistente allenatore a fianco del figlio Mauro. Il Covid aveva ridotto ai minimi termini l’Andrea Costa e fermato pure l’head coach Paolo Moretti, di qui la temporanea promozione di Mauro Zappi. Al Pala Cima Imola vinse una partita incredibile, per 90-79, e siamo convinti che quel successo valse per il Gianni padre come una delle promozioni centrare sul campo da primattore.

Tutto il mondo della pallacanestro conosceva Zappi e, ieri, infatti, i messaggi di condoglianze sono arrivati letteralmente da ogni dove, ad iniziare dalla massima carica della palla a spicchi tricolore, il presidente della Fip Gianni Petrucci. «A titolo personale e interpretando il pensiero del personale Fip condivido il cordoglio della moglie Alide, del figlio Mauro e di tutta la famiglia Zappi e ne ricordo la competenza e il tratto signorile».

Accanto a quelle di Petrucci non potevano mancare le condoglianze della Lba seria A, della Lnp e dell’Usap, il sindacato allenatori del quale Giannetto è stato presidente per ben 18 anni. Sentito anche il messaggio dell’Andrea Costa, ovvero il club che aveva fondato e che più di tutti ne aveva segnato la carriera: «Ci uniamo al dolore di tutte le persone che hanno avuto la fortuna di conoscere una figura storica per la pallacanestro imolese e non solo. Caro Gianni, continua a sostenerci anche da lassù».

Belle le parole scelte dalla Virtus Imola, dove sta lavorando come assistente allenatore Mauro, figlio di Gianni: «È un dolore inaspettato ed improvviso che ci ha colto di sorpresa. Una tristissima sorpresa. Ognuno di noi lo ricorda in uno dei molteplici ruoli che nei decenni ha incarnato in canotta giallonera. Grazie di tutto Gianni».

Grande anche l’abbraccio ai famigliari da parte della Reggiana Pallacanestro: «Gianni Zappi rimarrà per sempre nella nostra storia come il tecnico che ci ha portato per la prima volta tra i professionisti». Toccante il pensiero dell’ex giocatore Michele Maggioli, che lo ha avuto come direttore tecnico all’Andrea Costa: «Ciao caro Gianni. Sei stato un riferimento e un sostegno per me e per tanti altri. Ti porterò nel cuore come chi ha avuto la fortuna e il privilegio di conoscerti e di viverti». Un sostegno e un riferimento. Proprio così.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui