IMOLA. Ci sono anche alcune classi dell’Istituto comprensivo 4 Valsalva di Imola fra le scolaresche che sono rimaste vittima di una intossicazione alimentare durante la gita scolastica. Da ieri sono tutti rientrati a casa ma per gli insegnanti al seguito e per le famiglie, a distanza, sono state ore di discreta ansia e preoccupazione. In sostanza undici alunni di due scolaresche per un totale di circa 200 ragazzi, da Imola e dalla provincia di Parma, sono finiti all’ospedale mentre erano in gita sulla neve a Dimaro-Folgarida in val di Sole.

Ricovero preventivo

Un ricovero ospedaliero fatto in via precauzionale dopo che avevano accusato problemi gastrointestinali. Una intossicazione non grave, che non ha avuto conseguenze preoccupanti ma che ha scatenato apprensione e anche l’intervento dei Nas i tecnici dell’Igiene pubblica della provincia trentina che hanno prelevato campioni di alimenti che stanno analizzando per capire se sono all’origine del malessere che ha colpito contemporaneamente più persone.

Il rientro

A parte gli 11 ricoverati, sono infatti un centinaio le persone, fra alunni e accompagnatori che sarebbero state trattate sul posto. Dopo l’allarme lanciato nella notte di martedì, all’interno dell’albergo era infatti stata allestita una sorta di locale di primo soccorso per curare direttamente sul posto le persone con i sintomi gastrointestinali. I ragazzi sono poi rientrati ieri, fuori pericolo, e proseguiranno la convalescenza per rimettersi completamente a casa.

Argomenti:

imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *