Imola dal cuore grande: dal 2016 accolti 200 richiedenti asilo dal Circondario

Circa 200 richiedenti asilo ospitati nel circondario dal 2016 a oggi, con due emergenze di guerra da affrontare, la crisi afghana e la guerra in Ucraina dal marzo scorso. Per la Giornata mondiale del rifugiato, che cade il 20 giugno prossimo, indetta ogni anno dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il Circondario imolese rende conto della situazione in termini di numeri e progetti e invita a una serie di iniziative pubbliche per riflettere sul tema, ma anche per conoscere le persone che nel territorio hanno trovato asilo.


Modalità di accoglienza

Il Circondario gestisce dal 2016 un progetto SAI (Servizio Accoglienza Integrazione) di accoglienza di richiedenti e titolari protezione internazionale finanziato dal Ministero dell’Interno, che si è andato via via incrementando per numero di posti messi a disposizione dell’accoglienza. Attualmente i posti finanziati e contrattualizzati sono 95 collocati a: Castel San Pietro Terme, per 17 uomini adulti; gestore è il consorzio di cooperative sociali L’Arcolaio. A Imola, per 23 donne con strutture gestite dalla onlus Trama di Terre, per 35 uomini adulti con strutture gestite dalla cooperativa sociale Cidas e per 20 posti per famiglie con struttura gestita dal consorzio di cooperative sociali Solco. La scorsa settimana il Ministero dell’Interno ha approvato l’ampliamento di questo progetto per ulteriori 19 posti che verranno suddivisi fra i diversi gestori presenti sul territorio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui