Imola, corso per tecnici, aziende deluse: “Il lavoro c’è ma servono iscritti”

È partito a maggio il conto alla rovescia per il nuovo corso imolese Its, sigla che sta per “Istituti tecnici superiori” ad alta specializzazione tecnologica post diploma, ma è in questi giorni che la scommessa si fa bollente. Perché l’Its per la progettazione di infrastrutture e la gestione di architetture IT di Imola, presentato ieri nella sede imolese di Confindustria, partirà solo se ci saranno almeno 20 studenti, che non ci sono ancora, e la scadenza per iscriversi al test d’ingresso è il 13 ottobre.

Il corso

«Siamo indietro con la promozione, puntiamo a 35 iscritti al test» ha detto Morena Sartori, direttrice di Fitstic, la fondazione che gestisce l’Its, una delle 7 presenti in Emilia-Romagna, che confluiscono nella prima Scuola politecnica Its regionale. Le selezioni inizieranno il 18 ottobre e le lezioni per un massimo di 25 studenti dovrebbero cominciare a inizio novembre. Il corso è biennale per un totale di 2.000 ore di cui il 40% svolto in azienda in forma di stage non retribuito. Al secondo anno, 10 selezionati potranno intraprendere invece un percorso di apprendistato in azienda. «La caratteristica di questi corsi è il forte legame con il sistema produttivo territoriale, di cui traduciamo le esigenze in un’offerta formativa. Le aziende cercano disperatamente ragazzi con elevate competenze digitali ma i laureati non bastano. E questa opportunità è molto adatta anche alle ragazze».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui