Imola, contagi da zona gialla: sono 43 negli ultimi 3 giorni

Sono 43 i nuovi contagi nel circondario Imolese tra sabato scorso e ieri. Una cifra consistente, anche se va divisa per tre giorni che apre per il territorio imolese una nuova settimana di possibile “zona gialla”. Secondo le statistiche dell’Ausl, gialla era infatti stata sicuramente la scorsa settimana, ed era la seconda in questa estate, determinata dal nuovo incremento dell’incidenza settimanale dei casi, della proporzione di positivi al test e del numero di riproduzione. Il risultato deriva comunque da una intensa attività di tracciamento dal momento che questi sono i risultati positivi su 576 test molecolari e 1225 antigenici rapidi refertati. Ancora una volta sono le generazioni più giovani a scontare il pericolo maggiore, e «in prevalenza», sottolinea l’Ausl si tratta di non vaccinati: 5 nuovi positivi hanno meno di 14 anni, 11 sono nella classe di età 15-24, 18 tra i 25 ed i 44 anni, 3 tra i 45 e i 64 anni, 6 oltre i 65. 33 sono sintomatici e 10 sono asintomatici (9 individuati tramite contact tracing); 3 importati dall’estero (Grecia) e 6 riferibili a focolaio già noto, per questo 25 persone erano già isolate al momento della diagnosi. Sono invece 34 i guariti e salgono quindi a 193 i casi attivi e a 12.958 quelli totali.

Ospedalizzazione

L’ospedale di Imola resta comunque tuttora Covid free, vale a dire che non sono stati re-istituiti reparti Covid nonostante i contagi abbiano ripreso piede. Ci sono però 7 persone imolesi ricoverate per complicazioni e rischi riferiti al Covid. Tutte però sono “centralizzate” al Sant’Orsola di Bologna, 6 nel reparto “malattie infettive” e una persona in terapia intensiva.

Vaccinazioni

Le vaccinazioni hanno intanto ripreso un po’ quota, soprattutto dopo la consegna “solidale”, nelle scorse settimane, all’Ausl di Imola da parte di San Marino e Ausl Romagna di circa 2000 dosi Pfizer che hanno permesso di anticipare le prenotazioni di persone che fin qui non avevano deciso di vaccinarsi. Oggi si viaggia al ritmo di circa mille vaccinazioni al giorno, dicono dagli uffici Ausl; sono 162.380 le somministrazioni eseguite sul territorio da inizio campagna. Ora gli obbiettivi che l’Ausl di Imola si prefigge sono: concludere l’attività dell’hub che vaccina il personale delle aziende con la chiusura del ciclo delle seconde dosi, e intensificare la campagna vaccinale per il target scolastico in vista della riapertura di settembre. Intanto c’è la nuova sede per il centro vaccini di Castel San Pietro: da fine agosto non si andrà più al centro Artemide ma alla palestra ex-Alberghetti.


Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui