Imola, Comune e Acer ripuliscono cortili e cantine dei condomini

IMOLA. Spazi occupati abusivamente, cantine usate come discariche, auto e camper abbandonati. Il Comune di Imola e l’Acer sono intervenuti di nuovo per garantire la legalità nei comparti di edilizia residenziale pubblica in città. Dopo i controlli fatti a ottobre e inizio dicembre, nelle ultime settimane sono stati portati a termine altri numerosi interventi, in collaborazione con Polizia municipale, Polizia provinciale e forze dell’ordine in diversi alloggi Acer, sia in città che nelle frazioni. “Questo grande sforzo di legalità che abbiamo messo in atto, che consente di garantire sicurezza e qualità dell’abitare, significa anche far pagare a tutti quanto dovuto e mantenere in buono stato il patrimonio immobiliare. Tutto ciò si traduce in maggiori introiti e maggiori risparmi che consentono di recuperare risorse da destinare alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli alloggi, aumentando di conseguenza quelli da mettere a disposizione di chi ne ha diritto”, ha detto il sindaco di Imola Marco Panieri.

In totale sono stati rimossi, in collaborazione con la Polizia provinciale o direttamente dai proprietari, 9 mezzi abbandonati. In particolare 2 auto in via Galilei, 2 nei condomini di viale Marconi e 2 in quelli a San Prospero. Sempre negli alloggi Acer di San Prospero, l’assegnatario ha provveduto a rimuovere direttamente il proprio camper oramai abbandonato, così come ha fatto l’assegnatario proprietario del furgone e del motorino abbandonati nel cortile degli alloggi di via Andrea Costa. La Polizia municipale ha poi avviato le indagini per risalire ai proprietari di altri sei veicoli nel quadrilatero di viale Andrea Costa – via Mentana – via 4 Novembre, al fine di intimare la rimozione e demolizione dei mezzi. Altrimenti provvederà direttamente l’Acer, imputando naturalmente il costo ai proprietari. Sempre sul fronte della auto, la Polizia municipale ha avviato il controllo su alcuni mezzi di grossa cilindrata parcheggiati nel cortile di un immobile Acer nel quartiere Marconi. Dal momento che non risultano intestate ad assegnatari, si vuole capire a che titolo siano parcheggiate nel cortile. Inoltre, nel quadrilatero di viale Andrea Costa – via Mentana – via 4 Novembre la Polizia municipale sta effettuando ricerche per trovare i proprietari di alcune auto abbandonate, per capire se appartengano ad assegnatari del luogo oppure no, per passare poi alla loro rimozione. Sempre con la Polizia Municipale, sono stati effettuati controlli sull’effettivo e corretto utilizzo degli immobili, per verificare se c’erano casi di occupazione abusiva. Le indagini hanno interessato una decina di alloggi: in paio di casi sono state riscontrate irregolarità. In particolare, a San Prospero era stata segnalata un’occupazione abusiva: al momento del controllo, la persona occupante aveva da poco lasciato spontaneamente l’alloggio, mentre a Sasso Morelli si sta indagando su un eccessivo via vai da un appartamento. Sempre su questo versante, va sottolineato che grazie all’intervento congiunto di Comune, Acer e Polizia municipale sono state liberate 10 cantine occupate abusivamente: 4 a Sasso Morelli, 1 in via Galilei – in questi 5 casi direttamente dagli assegnatari -, le altre in via Cenni. Nel caso venga effettuato da Acer, il costo dello svuotamento viene addebitato all’assegnatario. Negli stabili di viale Andrea Costa – via Mentana – via 4 Novembre, sono state inoltre rinvenute vere e proprie discariche. Si tratta di cantine e corridoi di accesso alle stesse trasformati in discariche: batterie, pneumatici, vernici e tantissimi altri oggetti venivano accumulati da anni. Ora gli assegnatari hanno cominciato a svuotare e ripulire il tutto, liberando gli spazi e restituendoli alla loro naturale funzione.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui