Imola, autodromo aperto oggi nel ricordo di Senna e Ratzenberger

IMOLA. Non ci sarà il bagno di folla come nel 2014, nel ventesimo anniversario della morte di Ayrton Senna e Roland Ratzenberger, ma lo stesso, oggi, in questo 27° triste anniversario, l’autodromo sarà eccezionalmente aperto al pubblico dalle 9 alle 18. Una disponibilità alla fruizione del pubblico che sarà regolamentata negli ingressi, con obbligo di indossare la mascherina e con la possibilità di percorrere la lingua d’asfalto dell’Enzo e Dino Ferrari solo a piedi. In questa finestra di nove ore gli imolesi e gli appassionati potranno camminare, correre ma non utilizzare bici o altri mezzi, per vivere l’emozione di percorrere le traiettorie che poche settimane fa hanno tracciato le monoposto di Formula 1.

Un ricordo sobrio

Al centro di tutto ci sarà il momento di ricordo dei piloti Ayrton Senna e Roland Ratzenberger, scomparsi in quel tragico fine settimana del 1994, che avverrà in forma ridotta. Alle 14.17, infatti, il sindaco Marco Panieri, l’assessora Elena Penazzi, il direttore dell’autodromo, Pietro Benvenuti e don Pierpaolo Pasini terranno un breve momento di raccoglimento nei due memoriali.

Visite guidate

Durante la giornata, Imola Faenza Tourism Company organizza inoltre quattro visite guidate alla scoperta degli spazi tecnici dell’Autodromo: dal paddock alla control room, per chiudere con una vista panoramica dalla torre. Le visite si svolgeranno alle 10, 11.30, 15 e 16.30 con una durata ciascuna di circa un’ora. Le visite sono per un massimo di 12 partecipanti, la prenotazione online è obbligatoria e si può effettuare dal portale Imola Faenza experience.

Asta delle luminarie a rilento

Parallelamente c’è attiva anche la vendita delle luminarie con le frasi di Ayrton Senna che sovrastano via Appia e via Emilia nel centro cittadino. Asta i cui proventi saranno destinati ad associazioni no profit che si occupano dell’infanzia. Mancano ancora dieci giorni alla fine della vendita on line e le 21 stringhe luminose, fino a ora non hanno ancora ricevuto grandi rilanci. Solo due di esse, per la precisione quella con la parola “Sognare” e con la frase “Circondata da un oceano”, hanno evidenziato interesse con alcune persone che hanno alzato la base d’asta rispettivamente di 50 euro e 150 euro. «È ancora presto – spiega l’assessora all’Autodromo, Elena Penazzi – in quanto queste aste prendono vita nelle ultimissime ore prima della scadenza. Inoltre prosegue la raccolta relativa alla frase “Tutti la stessa aria” che sarà posta in autodromo e che finanzierà interventi di messa in sicurezza dei camminamenti della Rocca (per ora sono stati raccolti 1.307 euro, ndr). Intanto a breve partirà un ’opera di sensibilizzazione con alcune grandi aziende del territorio per cercare di capire se c’è la disponibilità all’acquisto».

Da 500 a 3.500 euro

Le 21 stringhe messe in vendita sul portale www.charitystars.com partono da un minimo di 500 euro, per la frase “Non ha più alcuna” arrivando fino a un massimo di 3.500 euro. Questa cifra massima serve per aggiudicarsi la silhouette di una monoposto di F1. In mezzo altre frasi e parole spaziano da una base di 1.000 euro per una decina di esse a 1.500, sono cinque, per arrivare a 2.000 (“Vivere su un’isola”) e 3.000 euro (le due riproduzioni della firma del campione brasiliano).

Doppio omaggio al campione e al pilota al debutto morto nello stesso week end del 1994 firmato dal cesenate Paolo Montevecchi a campioni della Formula Uno, ma ancor prima a uomini così diversi e al tempo stesso così uguali. Sono Roland Ratzenberger e Ayrton Senna. Il primo morì il 30 aprile 1994, il secondo il giorno seguente. Proprio sulla pista di quell’autodromo Paolo Montevecchi, il cesenate autore della canzone “Ayrton”, poi interpretata da Lucio Dalla, ha deciso di dedicare al pilota austriaco e a quello brasiliano un evento articolato in due flashmob. Li ha chiamati “Un vinto” e “Un vincitore”, a ricordare che, pur uniti da una sorte comune, questi due protagonisti del “circo” della Formula Uno hanno avuto due storie molto differenti: Ratzenberger è finito nel dimenticatoio; Senna continua a essere il celebrato campione ricordato con ammirazione ed emozione. Ma entrambi, alla fine, sono vinti e vincitori. Il primo omaggio è stato dedicato ieri a Ratzenberger in diretta streaming dalla pista dell’autodromo. Oggi alle 14.17, l’ora precisa in cui ci fu lo schianto che stroncò la vita di Senna, l’artista cesenate sarà protagonista di un altro live per ricordare con la sua canzone il “vincitore”: Ayrton Senna. Senza microfoni né amplificazione, dalla famigerata curva del Tamburello e in diretta streaming sul sito web www.autodromoimola.it.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui