Imola, appello dei dipendenti al sindaco: “Un aiuto concreto alla piscina Ortignola”

Crisi delle piscine, appello dei dipendenti e dei collaboratori dell’impianto Ortignola di Imola al sindaco Marco Panieri. “Un aiuto concreto – si legge in una nota – per gli impianti natatori, che, nonostante le chiusure a causa della pandemia (11 mesi complessivi, fra il lockdown di marzo e aprile del 2020 e le successive zone rosse) e le difficoltà a fronte dell’aumento delle spese energetiche, non hanno ricevuto ancora nessun sostegno. Lo chiediamo attraverso una lettera aperta indirizzata al primo cittadino Marco Panieri e protocollata in Comune questa mattina”.

“Nonostante la partecipazione del sindaco alla Notte azzurra delle piscine, la mobilitazione di 21 impianti natatori dell’Emilia-Romagna del 26 luglio dello scorso anno a cui ha aderito il complesso Enrico Gualandi, e la risonanza che ha avuto la giornata di chiusura degli impianti natatori a livello nazionale del 6 febbraio 2022, l’Amministrazione non ha tuttora fornito una qualsiasi risposta veramente utile per risolvere i problemi che gli impianti natatori si trovano ad affrontare. Molti altri Comuni, rispondendo all’invito rivolto loro anche dall’Anci, hanno rivisto i Pef-Piani economici finanziari degli impianti natatori. Se c’è la possibilità di farlo, perché Imola non vuole fare la stessa cosa?

La Giunta dovrebbe perfezionare lo stanziamento dei contributi destinati agli impianti sportivi nel corso della seduta del Consiglio comunale di giovedì 28, con l’approvazione della delibera sull’assestamento del bilancio.

Oltre a ringraziare il consigliere di “Imola coraggiosa” Filippo Samachini e il consigliere di Fratelli d’Italia Nicolas Vacchi, che hanno sottoposto questo argomento all’attenzione dell’aula in sede di discussione del bilancio di previsione, saremo presenti in Consiglio comunale nel corso della seduta per una protesta silenziosa”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui