Imola, a caccia di fondi per riqualificare il Bosco della Frattona

Il Comune ha candidato il progetto di recupero e riqualificazione della segnaletica e della cartellonistica interna alla riserva naturale del Bosco della Frattona, a cui si aggiunge anche l’allestimento e la creazione di un’aula didattica all’aperto nell’area di accoglienza dell’area verde, al Programma investimenti Aree protette della Regione. In totale servono 45mila euro visto che altri 5mila li metterà l’amministrazione comunale.

Il progetto

In estrema sintesi il progetto prevede la realizzazione di una nuova segnaletica informativa e di orientamento nell’area protetta. Di fatto si tratta di un aggiornamento dei contenuti della bacheca in legno presente con la realizzazione di un nuovo pannello. Il pannello avrà funzione informativa introducendo il visitatore alla conoscenza della Riserva nel contesto del sistema delle aree protette locali. Inoltre, nei tre principali accessi, si prevede la nuova installazione di segnali verticali, immediatamente prima dei punti di ingresso al sentiero, in modo da essere facilmente visibili al visitatore che si appresta ad entrare. Un ulteriore pannello con funzione di insegna di benvenuto, sarà collocato al lato nord del parcheggio, in corrispondenza della staccionata, per comunicare la presenza dell’area protetta agli automobilisti. A questi lavori si aggiunge la realizzazione di un percorso divulgativo, finalizzato a condurre il visitatore alla scoperta dell’ambiente naturale attraverso un’esperienza di tipo emozionale. Questo permetterà di riconoscere i punti di interesse, particolarmente adatti per accessibilità e per facilità di contatto con gli elementi che caratterizzano il luogo (emergenze naturalistiche e geologiche). Si tratta della zona del cespuglieto, quella del bosco caldo e quella del bosco fresco per arrivare alla zona del torrente Correcchio e del bosco umido fino a quello delle pozze. Infine s’intende realizzare un’aula didattica all’aperto nell’area accoglienza della Riserva situata lungo la via Suore nelle vicinanze del parcheggio principale.

Accoglienza

L’allestimento prevede la realizzazione di un’area di accoglienza arredata con sedute da esterno, in grado di accogliere gruppi di almeno 30 persone, un percorso educativo organizzato in stazioni dedicate alla divulgazione di temi specifici quali la funzione di conservazione della riserva, l’importanza della biodiversità, la conoscenza degli habitat e delle specie caratteristiche presenti. Ogni stazione sarà dotata di pannelli e giochi didattici. Il tutto realizzabile in sette mesi dall’avvenuto finanziamento.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui