Imola, 33 nuovi posti di asilo nido in più dal prossimo anno

A partire da gennaio 2023 il Comune di Imola metterà a disposizione delle famiglie 33 nuovi posti di asilo nido in più, di cui 15 dedicati per i bambini più piccoli, fino a un anno. L’Amministrazione comunale ha infatti ottenuto 104 mila euro dalla Regione, partecipando a un apposito bando che lo stesso ente aveva aperto con finanziamenti che derivano dal Fondo sociale europeo.
I 33 nuovi posti nido, che saranno attivati fin da gennaio, sono così articolati: 18 in una nuova sezione comunale gestita direttamente nel nido Fontanelle (via Pio IX) e 15 in tre nidi convenzionati – Oasi Santa Teresa (viale Cappuccini), Cornelia (via Pola) e Arcobaleno (via Rostagno, quartiere Pedagna) – che ne hanno disponibilità. Almeno 15 di questi posti saranno a favore di bambini nati nel 2022.
«Così aiutiamo le famiglie – commenta il vice sindaco e assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari –. È un’ottima notizia, perché l’aumento del numero dei bambini che beneficiano dei servizi della prima infanzia concorre a favorire l’ingresso e la permanenza nel mondo del lavoro dei genitori e inoltre perché la possibilità di dare risposta già sul primo anno di età è molto positiva per le famiglie: si tratta di una fase delicata nella quale i genitori con meno legami parentali sul territorio si trovano in una particolare difficoltà».

Nel frattempo pieno successo ieri mattina per l’Open day delle scuole dell’Infanzia, in vista dell’apertura delle iscrizioni al prossimo anno educativo, che riguarda circa 550 bambini nati negli anni 2018, 2019 e 2020, residenti nel Comune di Imola. Le domande potranno essere presentate dal 9 al 30 gennaio, mentre i bandi per l’iscrizione saranno disponibili per le famiglie già da domani. L’offerta complessiva dei posti nelle scuole dell’Infanzia per l’anno in corso, confermata anche per il prossimo anno, vede il Comune presente con 22 sezioni proprie, la scuola statale con 27 sezioni e il privato paritario con 18 sezioni.

Per la prima volta l’Open day è avvenuto nello stesso giorno in tutte le scuole dell’Infanzia comunali, statali e private paritarie. «Questa scelta – sottolinea il vice sindaco e assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari – è un’ulteriore dimostrazione della sinergia e dello stretto rapporto di collaborazione tra i diversi soggetti gestori, che ogni anno sono in grado di soddisfare pienamente la domanda delle famiglie». Ieri mattina Castellari si è recato in visita a tre scuole dell’Infanzia, insieme all’assessore allo Sviluppo economico, Pierangelo Raffini, e al responsabile del Servizio infanzia, Daniele Chitti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui