Il sindaco di Rimini: “I venti di guerra in Ucraina rischiano di ostacolare la ripartenza”

Un altro passo verso la normalità verso l’estate e il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad guarda con fiducia al futuro: “E’ sicuramente una buona notizia quella della firma, da parte del Ministro Roberto Speranza, di una nuova ordinanza che prevede, a partire dal 1° marzo, per gli arrivi da tutti i Paesi extraeuropei le stesse regole già vigenti per i Paesi Europei. Per l’ingresso in Italia sarà sufficiente una delle condizioni del Green pass: certificato di vaccinazione, certificato di guarigione o test negativo.   

Si procede progressivamente dunque verso quella semplificazione delle norme e delle procedure che, a detta di tutti gli operatori, è uno, se non il principale, ostacolo alla ripresa dell’industria turistica nazionale. Se il turismo estero ha un peso sensibile sul numero di arrivi e pernottamenti soprattutto delle città d’arte, non di meno un analogo impatto positivo lo ha su città come Rimini che, grazie agli investimenti realizzati, nel biennio pre pandemico ha attratto flussi turistici provenienti dall’estero oltre la soglia del 30 per cento delle presenze annuali. Il Covid ha sostanzialmente azzerato dalla primavera 2020 questo mercato che l’Italia, e anche la nostra Riviera, ha assoluta necessità di recuperare, soprattutto per quanto riguarda il versante dell’Est Europa. La semplificazione delle procedure sanitarie internazionali va nella giusta direzione, pur considerando la nuova spada di Damocle che appare sempre più affilata in queste ore: i venti di guerra ai confini europei che rischiano di essere un nuovo e pesante ostacolo a una ripartenza turistica già resa difficile dalla coda della pandemia e dalla crisi energetica. Una buona notizia in un panorama che comunque continua a restare incerto.”  

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui