Il sindaco di Bellaria: “A Capodanno meglio stare all’aperto piuttosto che chiudersi in casa”

A pochi giorni dal fortunato evento inaugurale in compagnia di Cristiano Malgioglio, nella settimana che ha visto anche alzarsi il sipario su luci ed allestimenti della città a partire dai centri commerciali naturali di Bellaria e di Igea Marina, il sindaco Filippo Giorgetti torna oggi sulla programmazione natalizia rilanciando con forza l’appuntamento di Capodanno. “Quella del 31 dicembre a Bellaria Igea Marina sarà una grande festa diffusa, fatta di tradizione e musica, e costellata di appuntamenti esclusivi in ogni angolo dell’Isola dei Platani. Pertanto rivolgo sin da ora un invito ai nostri cittadini e agli amici delle località limitrofe: divertiamoci insieme, divertiamoci in sicurezza, in quella che abbiamo concepito e vogliamo realizzare come una delle feste all’aperto più belle della Riviera per il prossimo Capodanno.”

 Un invito che il primo cittadino rivolge anche in ottica Covid: “Non ho timore nel ritenere che sia meglio stare all’aperto, in sicurezza e muniti di adeguati dispositivi, piuttosto che chiuderci a casa in 10 o 12 persone. Con questa convinzione, grazie alla collaborazione di Fondazione Verdeblu, stiamo definendo tutti i dettagli con gli artisti coinvolti: che i prossimi giorni renderemo noti ed in cui non mancheranno le sorprese. Già certa la ricchezza e la qualità della serata, che si aprirà con appuntamenti ritagliati su misura per i più piccoli per poi continuare, dalle 22.30 circa, con live e dj set distribuiti in sette distinte postazioni del centro di Bellaria. Non mancherà l’omaggio a quelle canzoni sognanti in grado di incantare bambini e adulti, una band che celebrerà la grande musica italiana, un food truck con dj set, una partnership radiofonica di prestigio e spazio per la musica leggera internazionale.” 

Il chilometro dell’isola pedonale bellariese sarà un percorso in crescendo, dagli spettacoli per i bambini ai dj per i giovani fino alla musica amata dagli over. Piazza Matteotti ospiterà il Palco dedicato ai bambini, con spettacoli a partire dalle ore 20.30; percorrendo il viale in direzione stazione, all’incrocio con via Lamone, si incontrerà il secondo palco con una band dedicata alle sigle, in un mix tra cartoon e telefilm che coinvolgerà grandi e piccini. Il terzo palco all’altezza di Via Mar Ligure, prevede una band di pop-rock perfettamente in sintonia con il pubblico dei bar e pub in zona.

Nello spiazzo di via Dante, si troverà il primo dei tre dehor a disposizione di chi cercherà un po’ di comodità. Poco lontano, un altro punto spettacolo con un avveniristico mezzo di trasporto, dove un dj e alcuni figuranti creeranno momenti di allegoria. La piazza Don Minzoni sarà il fulcro della festa, con una band pronta ad animare e scaldare tutti, così come i dj di Radio M2O dal palco posizionato di fianco alla Biblioteca, con accanto ci il secondo dehor ristoro, a disposizione del food truck presente nella medesima area. Vicino alla stazione – piazzale Gramsci – il palco dedicato ad una cover band con annesso dehor per dare l’opportunità di godere dello spettacolo con più confort. “Verrà quindi replicata la formula che nel 2019 riscosse grande apprezzamento – spiegano da Fondazione – ovviamente con i dovuti accorgimenti vista la contingenza del momento. La novità è rappresentata dai dehor messi a disposizione del pubblico, che verranno curati dai gestori dei locali. Questo, frutto della collaborazione tra gli stessi, l’Amministrazione e la Fondazione Verdeblu.”

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui