Il riminese Gianluca Fazio, influencer garbato

Non chiamatelo influencer. Il riminese Gianluca Fazio oggi vive a Bologna, gestisce il suo profilo Instagram da 107mila follower col nome di “The Rerum Natura” – dal De rerum natura di Lucrezio – e di mestiere fa il creator digitale. Si era trasferito nella città delle due torri per completare il percorso di studi come psicoterapeuta, la vita poi lo ha portato a lavorare come content creator e fotografo di viaggio.

«La fotografia è sempre stata una mia passione – racconta – ancora prima di creare l’account Instagram @thererumnatura, ma è diventata il mio lavoro per una serie di fortuite casualità».

Quali casualità?

«È cominciato tutto quasi per gioco: avevo una piccola community di follower su Instagram, mi sono iscritto a un concorso in cui si vinceva un viaggio a Vienna e, inaspettatamente, ho vinto. Le foto sono piaciute, hanno iniziato a girare sui social e la community ha continuato a crescere rapidamente, fino alle prime proposte dai brand. Presto i viaggi hanno iniziato a diventare parte integrante di quello che stava diventando a tutti gli effetti il mio nuovo lavoro, e così nel 2019 ho deciso di mettere in pausa la formazione come psicoterapeuta per dedicarmi a questo a tempo pieno, consapevole che è un treno che passa una volta sola, e non voglio perderlo».

Ha ideato il corso per diventare un “influencer garbato”. Cosa vuol dire?

«Ho ideato questo mini corso su thererumnatura.it per riassumere alcune linee guida utili a chi si vuole affacciare al mondo dell’influencer marketing, cercando di evitare alcuni errori comuni riguardanti la comunicazione. Il linguaggio dei social ha diverse regole, alcune esplicite e altre implicite, quindi ho pensato che i miei piccoli suggerimenti potessero contribuire a migliorare la qualità dei contenuti che un aspirante influencer desidera condividere».

Perché dice che non bisogna definirsi influencer?

Essere influencer è una conseguenza del lavoro, non è il lavoro. Il lavoro è la creazione dei contenuti. Presentarsi come influencer mette in ombra il motivo per cui si è influenti, per cui si ha una credibilità, per cui ci si occupa di un determinato settore. Io, ad esempio, mi definisco “travel creator”, perché il mio lavoro principale è creare contenuti di viaggio e il fatto che questi contenuti possano influenzare un pubblico è secondario».

Ha all’attivo molteplici collaborazioni con brand molto noti. È lei che seleziona loro o sono loro che individuano lei? Come funzionano le collaborazioni?

Solitamente brand, aziende e agenzie contattano i creator proponendo dei progetti di comunicazione per diffondere i propri messaggi utilizzando i canali dei creator. Se si trova un’affinità, dalla proposta iniziale comincia un percorso di rielaborazione con la collaborazione del creator stesso, così da arrivare a produrre dei contenuti soddisfacenti per chi commissiona il lavoro, per il pubblico a cui è destinato, per i follower e per il creator stesso».

Sono diverse le sezioni del suo blog, travel, style, tech. Una parte è dedicata anche ai pensieri. Su cosa ama soffermarsi?

«La sezione dei Pensieri è quella in cui racchiudo la parte più umana e meno professionale. Molti non lo sanno, ma ho una formazione come psicologo, quindi il pensiero per me è fondamentale. Si può trattare di un’analisi psicosociale, di una riflessione sulla politica o di piccoli consigli, nella speranza che possano essere utili ai lettori».

Ha girato il mondo ma quali sono i posti imperdibili della Romagna?

«La Romagna è imperdibile tutta! Essendo io riminese di nascita non posso che essere legato al mare, ma devo dire che ho anche una passione per i borghi romagnoli e per il cibo dell’entroterra. Amo San Leo, Santarcangelo, Verucchio, Brisighella, Longiano… Sono dei luoghi incantevoli e ad essi sono molto grato, perché prima che il viaggio diventasse il mio lavoro ho iniziato a fotografare i luoghi della mia quotidianità, e la prima comunità di follower è arrivata proprio perché sorpresa e interessata a questi luoghi che non aveva mai visto».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui