Il Premio Artusi 2020 a Paolo Lopriore e a sua madre Rosa Soriano


FORLIMPOPOLI. Alta cucina, approccio domestico. Per questo il Premio Artusi 2020 verrà consegnato sabato prossimo 19 dicembre alle 15 allo chef Paolo Lopriore e a sua madre Rosa Soriano. La Città di Forlimpopoli, in onore del concittadino Pellegrino Artusi, attribuisce ogni anno un Premio ad una personalità di rilievo internazionale che, a qualsiasi titolo, si sia distinta per l’originale contributo dato alla riflessione sui rapporti fra l’uomo e il cibo. Il Premio Artusi 2020, su proposta del Comitato scientifico di Casa Artusi, è stato assegnato allo chef Paolo Lopriore ed alla madre Rosa Soriano con questa motivazione: “Il conferimento del premio Artusi a Lopriore e a sua madre, rompe con la venerazione per gli chef stellati. Lo Priore e sua madre operano nel Portico di Appiano Gentile, e la loro presenza regala ai clienti un approccio domestico alla cucina, non di maniera, e il menù stesso, immaginato per l’intera tavola, lo testimonia ulteriormente. Questo non vieta che Lopriore sia stato allievo di Gualtiero Marchesi e ricopra il suo ruolo in Alma a Colorno. Questo premio Artusi serve dunque a guidare verso un nuovo rapporto fra cucina di casa e cucina di ristorante, a rivalutare il ruolo della mamma, mamma di un chef, a riportare nella campagna lombarda, in Brianza, il ristorante ideale, quello senza stelle, così come l’aveva voluto, Gualtiero Marchesi stesso a Erbusco. Non si premia solo la mamma e il figlio, ma il loro rapporto nella creazione di una nuova cucina, e, a questa famiglia, immaginata contro onorificenze e gerarchie, spettacoli ed eventi, Artusi avrebbe dato il consenso”. Il Premio, che consiste in una scultura in bronzo del busto di Artusi ad opera dell’artista Pasquale Marzelli, sarà consegnato sabato 19 dicembre alle 15 dalla sindaca di Forlimpopoli Milena Garavini in diretta sui canali social dell’amministrazione comunale. “Si è infatti atteso fino all’ultimo nella speranza che i vincitori potessero intervenire di persona alla cerimonia, ma desiderando consegnare il premio entro l’anno come da tradizione si è deciso di ricorrere a questa formula, rinviando alla Festa Artusiana del 2021 la possibilità di ospitarli a Forlimpopoli, approfittando anche del fatto che le celebrazione del bicentenario della nascita di Artusi si protrarranno, per l’appunto, fino alla prossima estate”, spiega l’amministrazione comunale stessa.

La consegna del premio sarà introdotta da Massimo Montanari, presidente del Comitato Scientifico di Casa Artusi, mentre la motivazione sarà illustrata da Alberto Capatti, direttore scientifico di Casa Artusi. All’incontro interverrà anche la presidente di Casa Artusi, Laila Tentoni.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui