Il parroco è positivo: la chiesa di Borello resta chiusa

La sua sensazione era esatta così come veloce era stato lo scrupolo avuto di sospendere le attività in chiesa. Resta appeso sulla porta della chiesa di Borello il cartello affisso nei giorni scorsi da Don Emilio Solis. «Ho qualche sintomo influenzale – aveva detto al Corriere – Siamo in pandemia e quindi, per poter essere certo che non si tratti di coronavirus dovrò essere sottoposto a tampone. Sto bene, ma prima del risultato del tampone non celebrerò messe aperte al pubblico per non far correre alcun tipo di rischio a nessuno». Il risultato del tampone ha evidenziato la malattia per il parroco. Le attività legate alla chiesa dunque restano sospese col timore di dover rinviare (come lo scorso anno) anche le prime comunioni fissate per metà aprile.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui