Il mondo del calcio imolese piange l’allenatore Ademaro Mosconi

Il mondo del pallone piange Ademaro Mosconi, storico allenatore scomparso improvvisamente, per un malore, nella mattinata di ieri. Classe 1950, nato a Bagno di Romagna, era assieme alla moglie Milena Gandolfi, che ricopre il ruolo di presidente, il motore dell’Imolese Femminile e Maschile e del centro sociale Zolino.

Negli ultimi 38 anni, infatti, ha guidato numerose squadre del territorio imolese, tra cui la Dozzese, fino ad approdare all’Imolese F&M, di cui era il responsabile tecnico di tutta l’attività e il mister di alcuni team, tra cui l’Under 19 e la formazione femminile. Proprio nel calcio in rosa Mosconi ha raggiunto i momenti più alti della sua carriera, guidando tra gli altri il Lugo e il Modena. La soddisfazione più grande però è datata 2010, quando riuscì a centrare la promozione in serie A2 alla guida dell’Imolese.

Oltre all’impegno con il sodalizio rossoblù, nel 2019 ha avviato una sinergia con la Juvenilia e negli ultimi anni ha collaborato con il Bfc senza barriere, la realtà del Bologna Calcio che si occupa dell’attività sportiva dei disabili. In attesa dell’autopsia, la data del funerale non è stata al momento fissata.

Commenti

  1. La perdita di Ademaro lascia un vuoto incolmabile,sono rimasto scioccato,esprimo le mie più sentite CONDOGLIANZE,alla società,alla famiglia,e in particolare a te carissima Milena, un grande abbraccio.Ciao caro e indimenticabile ADEMARO ,R.I.P.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui