Il Mei di Faenza omaggia Lucio Dalla

È cominciata con l’anteprima bolognese dedicata alla parità di genere nella musica l’edizione 2022 del Meeting delle etichette indipendenti, che da oggi si trasferisce nella sua sede storica di Faenza. Facendo un passo indietro, ieri alla Tettoia Nervi di piazza Lucio Dalla di Bologna si è svolto l’Independent pink wave, che da dieci anni è la sezione del Mei dedicata alle artiste. Dopo il convegno sulla parità di genere nella musica, in serata si è svolto il contest Onda rosa indipendente, con dodici finaliste che si sono esibite davanti alla giuria guidata dalla madrina Roberta Giallo. La cantautrice ha anche presentato il suo nuovo singolo Io canto l’estate. «Ho scritto questa canzone tempo fa – spiega l’autrice –, l’ho lasciata decantare e adesso è più attuale di prima: racconta di acque, di fango, di cemento, di “Ulisse che non torna a casa”, di rose. È una preghiera laica. A Bologna sto cercando di mettere in piedi un evento con altri artisti per raccogliere fondi per le Marche, la terra dove sono nata».

È già aperta la mostra con le copertine disegnate da Crepax, alla Galleria della Molinella, che sta avendo grande successo.

Nel programma della prima giornata, l’evento principale è l’omaggio a Lucio Dalla, nel decennale della scomparsa: Alle 18 alla Molinella Leonardo Metalli presenterà il suo ultimo docufilm Lucio chi sei tu? Il folletto geniale, vincitore del Premio videoclip.

Al teatro Masini alle 21 Ernesto Assante e Roberta Giallo conducono il tributo al cantautore bolognese. Aprono la cantautrice Margherita Zanin e Roberto Costa, produttore dei più bei dischi di Dalla degli anni Ottanta.

Sarà molto divertente, e sicuramente affollato, Strada per te, aperitivo e dj set all’Enoteca Astorre alle 18, con i Masa, duo musical-comico molto popolare.

Altro evento della giornata è il convegno “Alle origini dei dischi rock in vinile del mercato indipendente alternativo”, dalle 17 alla Molinella. Interverrà il faentino Sante Boldrini, autore di Max Manfredi, e saranno presentati i libri: “Volevo lavorare dentro nei dischi” di Mimmo Paganelli con la cantautrice Patrizia Cirulli, e “…e ora pagateci i danni di Woodstock!”, di Gianni Lucini.

Seguiranno le proiezioni del docufilm su Nanni Ricordi a cura di Roberto Manfredi, e di quello su Guido Crepax.

www.meiweb.it

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui