Il Medioevo marinaro nel Riminese nel libro di Oreste Delucca

RIMINI. «Una città sul mare e che col mare ha avuto un rapporto stretto e necessario fin dalla sua nascita e che anche oggi le è indispensabile». Così l’editore Giovanni Luisè nella nota che introduce il nuovo volume di Oreste Delucca “Rimini e il mare nei documenti del Tre-Quattrocento”, uscito in libreria nello scorso mese di novembre.

Quanto a Delucca, nella Premessa mette subito le mani avanti: «Lungi da me la presunzione di redigere una storia della marineria medievale riminese; questo lavoro, molto più semplicemente, vuole offrire una serie di spunti ricavati dal vivo della documentazione originale acquisita nel corso delle mie ricerche d’archivio».

Ricerche

E di ricerche d’archivio Delucca se ne intende. Dall’analisi di documenti spesso dimenticati e inediti ha ricavato innumerevoli studi e approfondimenti, pubblicati in volumi e articoli monografici. Un lavoro ultratrentennale che gli è valso nel 2013 l’assegnazione del “Sigismondo d’oro”, il riconoscimento riservato ai riminesi illustri. Le ricerche di Delucca si concentrano soprattutto sull’epoca medioevale e sul territorio di Rimini e dintorni, e l’ultimo volume non fa eccezione.

“Rimini e il mare” è diviso in due parti. Nella prima («a carattere divulgativo», precisa l’autore) sono sviluppati alcuni temi legati al rapporto della città con il mare e con le acque interne, dalla difficoltà di spostamenti utilizzando le vie terrestre alla preminenza di utilizzo dei percorsi marittimi e fluviali, dalla storia del porto di Rimini alle tecniche di pesca, dalla descrizione delle barche di Sigismondo Malatesta al resoconto delle attività commerciali dell’epoca. E poi la legislazione marittima, le battaglie navali su fiumi e laghi, i naufragi… Per finire con la migrazione tra le due sponde dell’Adriatico e con la scoperta dell’America.

Quattrocento documenti

La seconda parte del volume contiene, elencati in ordine cronologico, la sintesi di oltre quattrocento documenti riferiti al periodo preso in esame, e ricollegabili direttamente o indirettamente al tema del mare. A chiusura del libro, prima della Bibliografia, vi è anche un breve glossario, utilissimo per comprendere alcuni dei vocaboli usati nel testo, come il nome delle barche (brigantino, caravella, marano, ecc.) o dei pesci (baldegara, buratello, morona), senza dimenticare la terminologia tecnica dell’attività marittima (cavi, funi, reti e altro).

Tante immagini

Ma quello che più colpisce, sfogliando il libro, sono le tantissime immagini di cui è corredato. Si tratta di riproduzioni di carte nautiche, monete, disegni, affreschi, mappe, acquerelli, ma soprattutto di affascinanti miniature del XIV e XV secolo (custodite in musei e biblioteche di tutto il mondo) che raffigurano scene quotidiane dell’epoca medioevale: banchi della pescheria, carico di merci, vedute di guerra e di naufragi.

Aglio e cipolla

Tornando al testo, in “Rimini e il mare” Delucca – mentre scrive di pesca, barche e battaglie – tratteggia uno spaccato del Tre-Quattrocento, raccontando le vicende di Sigismondo e della sua signoria, ma anche notizie curiose, come il commercio di aglio e cipolla che da Rimini venivano esportati in grande quantità, via mare, verso Venezia o addirittura la Siria. Altri squarci di vita quotidiana rivelano che il Medioevo era epoca di “camminatori”. «Lungo le strade prevaleva una mobilità di carattere individuale, rappresentata essenzialmente da persone a piedi, fossero viaggiatori, pellegrini, mercanti, religiosi, studenti, militari, sbandati o altro – scrive Delucca, riportando le sue fonti documentarie –. Nei secoli del Medioevo si camminava e camminava; pertanto si consumavano scarpe e altri calzari in gran quantità. Non a caso nelle città, il mestiere artigiano più diffuso in assoluto era quello del calzolaio». Anche in una località di mare come Rimini.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui