Il “Girogirotondo” della scienziata Ilaria Capua

Dopo il successo di “Ti conosco mascherina” (2020), la scienziata di fama internazionale Ilaria Capua, direttrice del centro di eccellenza One Health dell’Università della Florida, che promuove l’avanzamento della salute come sistema integrato attraverso approcci interdisciplinari, torna a mettersi nuovamente alla prova con la letteratura young.
Primo volume di una collana
Edito dalla Coccinella e pubblicato in accordo con Elastica di Bologna, “Girogirotondo è uno il mondo!” è il primo volume della collana “Salute mondo”, serie curata dalla scienziata e pensata per libri-gioco di grande formato e pieni di finestrelle coloratissime, scritti da grandi scienziati per parlare di salute circolare ai più piccoli.
Il primo dei testi – animati da un intento pedagogico che è anche una missione di civiltà – è firmato proprio da Capua, che introduce i bambini alla scoperta delle connessioni che legano il nostro corpo a ciò che ci circonda.
«Ehi, ma cosa vuol dire “salute’”? Vuol dire “stare bene”. Stare bene è come un girotondo, in cui tutti si tengono per mano: se qualcuno lascia la mano, si spezza il cerchio della salute».
Una lingua che colpisce
La scienziata – attraverso le finestrelle illustrate da Francesca Galmozzi e un linguaggio accattivante, immediato e capace di stimolare la curiosità e soddisfare la voglia di conoscenza dei più piccoli – sottolinea quanto sul nostro pianeta, «sistema chiuso in cui tutti gli elementi e gli esseri viventi sono connessi tra di loro», la nostra salute dipenda da quella dei quattro elementi naturali per eccellenza: terra, acqua, fuoco, aria.
Ecco allora spiegata l’importanza di mangiare in modo sano, prendersi cura della propria igiene, trascorrere tempo all’aperto, evitare spreco di cibi e acqua, separare i rifiuti, vivere in ambienti eco-sostenibili, abituarsi ad attuare comportamenti che si inseriscano nel controllo dell’inquinamento eccetera.
Gli obiettivi delle Nazioni Unite
Alla fine, la famosissima veterinaria – che per oltre trent’anni si è dedicata alla direzione di gruppi di ricerca nel campo delle malattie trasmissibili degli animali all’uomo e del loro potenziale epidemico – inserisce anche un cerchio coloratissimo che riporta i “17 obiettivi di sostenibilità” stabiliti dalle Nazioni Unite e da raggiungere (si spera!) entro il 2030, e sfida i giovani lettori a scoprire quali di questi sono stati trattati all’interno del testo.
Ancora una volta Capua si conferma una grande studiosa in grado di accompagnare genitori e figli alla scoperta delle buone abitudini da imparare e mettere in pratica per preservare il pianeta, perché ogni piccolo gesto è capace di fare la differenza.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui