Il dottor Andrea Strada nuovo direttore del pronto soccorso di Ravenna

RAVENNA – Il pronto soccorso di Ravenna ha un nuovo direttore. Il dottor Andrea Morelli è andato in pensione nelle scorse settimane e sarà sostituito da Andrea Strada, che ricopriva lo stesso ruolo a Ferrara. La procedura di selezione, a cui hanno partecipato cinque candidati, si è conclusa a inizio ottobre.

Laureato a Bologna nel 1992 con 110 e lode, Strada ha iniziato la carriera al Policlinico Sant’Orsola. Nel 1999 si è specializzato in Medicina d’Urgenza con il massimo dei voti, sempre all’Alma Mater. Finito il percorso universitario, si è spostato a Imola dove ha perfezionato la sua preparazione personale in pronto soccorso e medicina d’urgenza. Strada conosce già la realtà ravennate: è arrivato nel 2004 ed è stato in città per 13 anni, medico in pronto soccorso e medicina d’urgenza nel reparto diretto dalla dottoressa Maria Pazzaglia.

Qui Strada ha organizzato corsi di aggiornamento riguardanti le emergenze cardiorespiratorie, tenuto incontri di discussione di casi clinici e organizzato corsi di lettura rapida dell’elettrocardiogramma per il personale infermieristico con funzioni di triage o del 118 Romagna. Dal 2009 al 2014 è stato referente aziendale e membro del gruppo di lavoro regionale per il tema “Triage in Pronto Soccorso”. Dal 2015 al 2017 è stato coordinatore del gruppo di lavoro del dipartimento Emergenza dell’Ausl Romagna denominato “Appropriatezza dei percorsi clinici in Pronto Soccorso”. Negli ultimi anni a Ferrara come direttore del pronto soccorso e medicina d’urgenza a Ferrara nell’azienda ospedaliero-universitaria di Ferrara.

Strada ha dedicato particolare attenzione a migliorare i flussi dei pazienti e la loro precoce presa in carico al pronto soccorso, attraverso la rimodulazione delle aree ambulatoriali in aree di diagnosi e trattamento ad alta, media e bassa complessità. Durante la pandemia ha utilizzato un approccio di tipo dinamico-funzionale per rimodulare l’organizzazione del pronto soccorso nella gestione dei percorsi separati e differenziati per tipologia e intensità dei pazienti, in piena collaborazione con i servizi di Igiene Ospedaliera e Gestione del Rischio Infettivo aziendali. Sarà dunque un medico che ha già prestato molta attenzione all’organizzazione del pronto soccorso e della medicina d’urgenza, la vera sfida per i prossimi anni. Oltretutto il reparto sarà oggetto il prossimo anno di un importante intervento di ristrutturazione.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui