Gli Ottone Pesante sono una band faentina che spazia dal rock più pesante al jazz con una formazione composta da Francesco Bucci al trombone e tuba, Paolo Raineri alla tromba e flicorno soprano e Beppe Mondini alla batteria. Il nuovo album, dal titolo “DoomooD” sarà pubblicato il 18 settembre su Aural Music. Per festeggiare, gli Ottone Pesante svelano il primo singolo “Tentacles” con la partecipazione alla voce di Sara, cantante del quartetto doom italiano Messa. Ne abbiamo parlato con loro.

A breve uscirà il vostro nuovo album. Qual è l’idea di fondo?

«Nasce dall’idea di esplorare le sonorità del metal con una formazione del tutto atipica: tromba, trombone e batteria. Nei dischi precedenti abbiamo esplorato ritmi forsennati e sonorità più vicine al grind e al black metal, mentre questo nuovo disco si avvicina molto alle atmosfere più oscure e ampie tipiche del doom.
 Fondamentalmente abbiamo rallentato il metronomo, incrudito i suoni degli ottoni e scritto una colonna sonora immaginaria di un film ambientato negli abissi marini».

Ci spiegate il titolo “DoomooD”?

«Per due motivi principalmente: il primo è il fatto che richiami il genere che abbiamo affrontato in questo ultimo lavoro (il doom metal) e il secondo motivo è perché è una parola palindroma, come lo è il disco che può essere ascoltato sia dall’inizio alla fine che a rovescio. Infatti le frasi e i riff che compongono i brani appaiono ribaltati nella seconda metà del disco, come se l’album fosse specchiato.


Il primo singolo è “Tentacles”, cosa volete raccontare con questo brano?

«Questo pezzo parla dei “Tentacoli” ossia degli ostacoli che la vita ci presenta e che siamo costretti ad affrontare e superare facendo affidamento soprattutto sulle nostre stesse forze. L’apporto di Sara dei Messa alla voce, ha reso questo pezzo una vera chicca».

Questo non è sicuramente un momento tra i più rosei della musica, voi come avete reagito al lockdown di qualche mese fa?

«È stato un periodo molto strano per noi, ci siamo ritrovati a casa senza sapere quando avremmo potuto riprendere il tour e le date programmate. Successivamente ci siamo resi conto che sarebbe saltata tutta la stagione estiva dei festival e quindi sarebbe stato praticamente impossibile suonare. Ora la speranza è che si possa ripartire al più presto con i concerti, rispettando le norme, ma permettendoci di promuovere il disco che abbiamo in uscita».


Andrà tutto bene, come il noto hastag, secondo voi?

«Forse ora si potrebbe chiedere “è andato tutto bene?” Per quel che riguarda il mondo dello spettacolo, decisamente no. Speriamo che in autunno sia possibile una vera ripartenza delle attività concertistiche e culturali, ce n’è veramente tanto bisogno».

I vostri prossimi progetti?

«Al momento siamo concentrati sulla promozione di “DoomooD” e stiamo organizzando i primi concerti per l’autunno. Possiamo ufficialmente annunciare che faremo la prima data del tour al Vidia di Cesena il prossimo 17 ottobre in corrispondenza della riapertura dello storico locale. Sarà un super concerto con ospiti d’eccezione».

Argomenti:

dischi

musica

ottone pesante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *