Il coronavirus arriva anche a Bagnara. Accertato il primo contagio

BAGNARA. “Come purtroppo temevamo da mesi, dopo tante settimane senza casi di contagio, per la prima volta anche a Bagnara si registra un primo caso di positività”. Inizia così il commento del sindaco, Riccardo Francone, che comunica sul proprio profilo facebook che fra i 5 nuovi casi accertati di contagio uno riguarda proprio un paziente residente nel comune.

“La persona, che si trova da oggi in isolamento domiciliare, ha sintomi molto deboli, sta dunque piuttosto bene e le facciamo i nostri migliori auguri di una rapida guarigione – prosegue il primo cittadino -. Come ormai avviene da fine febbraio per tutti i casi di positività, il Protocollo ASL prevede di mantenere e proteggere assolutamente la privacy, ma la procedura di intervista immediata successiva all’avvenuto accertamento di positività, prevede di avvisare le persone che potrebbero essere a rischio per contatti diretti e ravvicinati. Se non siete stati contattati dall’ASL è perché non si ritiene che vi sia stato un contatto a rischio e se poi avete portato la mascherina quando eravate vicino ad altre persone e avete mantenuto le giuste distanze e lavato/disinfettato sempre le mani, andrà tutto bene. Vi posso anche tranquillizzare sulla spesa, so che crea sempre molti dubbi questo tema, la persona in questione, avendone la possibilità logistica, non faceva la spesa a Bagnara”.

Francone prosegue: “Non cercate presso il sottoscritto ulteriori informazioni, come più volte detto possono esserci molti motivi e molti modi per essere contagiati, a Bagnara non si vive, come dicevamo altre volte, in una bolla isolata, anche se viene tenuto un corretto comportamento. Di certo, però, un corretto comportamento minimizza le possibilità di contagio, anche se non le azzera. Oggi dunque risulta ancora più evidente come sia da considerarsi necessario attuare tutte le misure igienico-sanitarie finalizzate a evitare il contagio. L’emergenza – conclude il primo cittadino – non è finita e proprio mentre ci avviamo all’apertura quasi totale di esercizi e attività di ogni tipo, quanto oggi verificato deve essere monito importantissimo a imparare a tornare ad una socialità e ad una vita più vicina alla normalità, ma non normale! Abituiamoci a mantenere alta l’attenzione!”

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui