Il 28enne di Perticara che spala neve per 40 ore, mentre il sindaco sul trattore libera le strade di Pennabilli – Gallery

«Sembra metà del nevone del 2012, ma i soldi sono già finiti». La Valmarecchia sotto assedio, senza luce né riscaldamento per ore. Scuole chiuse anche oggi. È un fiume in piena il sindaco di Pennabilli, Mauro Giannini, che in sella al trattore continua a liberare le strade, «mentre varie zone del comune sono ancora senza luce né riscaldamento e sepolte sotto 2 metri di neve, nonostante 6mila euro di spese ogni 10 ore».
In allarme anche Goffredo Polidori, primo cittadino di Sant’Agata Feltria. «La coltre nevosa è a quota 1,20 metri. Non funzionano i telefoni e manca la corrente elettrica in varie zone, tra cui Petrella Guidi».

Black out e disagi


Rilancia Leonardo Bindi sindaco di San Leo: «Tre zone, fra cui Montemaggio, sono ancora al buio e non mancano frane nella parte bassa del comune.». Conferma disagi, specie tra le frazioni di Perticara e Miniera, il sindaco di Novafeltria, Stefano Zanchini: «I tanti alberi crollati hanno impedito ai mezzi spalaneve di lavorare in modo efficace, richiedendo l’intervento di vigili del fuoco e protezione civile. In alcune zone mancano o continuano a saltare riscaldamento e elettricità anche per la caduta dei pali della luce».
Intanto tra luci e ombre, non mancano gli eroi. Proprio a Perticara si è distinto il 28enne Ivan Piscaglia, titolare di un’azienda agricola che ha spalato neve per 40 ore di fila a bordo del suo mezzo, ma anche il sacerdote che ha lavorato sei ore per creare un accesso alla chiesa.

Il reportage completo sul Corriere Romagna in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui