I satelliti dal cielo ora prendono anche il polso alla grandine

Dal cielo vengono le precipitazioni, oggi anche il loro monitoraggio. Dal primo satellite meteorologico europeo lanciato nel 1977 questi strumenti sono infatti stati sempre più e meglio utilizzati per inviare al suolo le immagini del movimento delle nubi e le mappe della temperatura, offrendo una previsione meteorologica su un dato territorio, grazie anche all’uso congiunto dei dati rilevati sulla superficie terrestre proprio attraverso la rete delle stazioni meteorologiche e dei modelli numerici di previsione meteorologica elaborati dagli esperti.

Proprio attraverso i dati satellitari l’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr ha condotto una ricerca per studiare la climatologia delle precipitazioni di grandine nell’area del Mediterraneo negli ultimi 22 anni. Lo studio, pubblicato dalla rivista Remote Sensing, ha rilevato per tutti i fenomeni grandinigeni una tendenza in crescita di circa il 30% nell’ultimo decennio e ha delineato una nuova mappa di vulnerabilità delle precipitazioni di grandine nel Mediterraneo.

«Esaminando i dati raccolti dalle osservazioni satellitari dei radiometri a microonde della costellazione internazionale Global Precipitation Measurement mission (GPM), siamo riusciti a ricostruire la distribuzione spaziale e temporale degli eventi grandinigeni nel bacino mediterraneo dal 1999 al 2021», spiega Sante Laviola, ricercatore del Cnr-Isac e primo autore della ricerca. I fenomeni sono stati raggruppati in due categorie di severità: grandinate intense (caratterizzate da chicchi con diametro variabile da 2 a 10 cm) e grandinate estreme (associate alla formazione di aggregati ghiacciati con diametro superiore a 10 cm).

«A differenza dell’Europa centrale, dove questi fenomeni avvengono principalmente in tarda primavera e in estate, nell’Europa meridionale (in particolare nel sud Italia, nella penisola iberica e in Grecia), dove il clima è influenzato dall’elevata insolazione e dalla vicinanza al mar Mediterraneo, le condizioni ambientali sono le principali responsabili della formazione di forti grandinate durante la fine dell’estate e l’autunno. In questa fase dell’anno si registrano i valori più alti sia per quanto riguarda i fenomeni intensi che per quelli estremi» prosegue il ricercatore.

L’analisi dei trend per tutto il periodo preso in considerazione mostra una tendenza in crescita per tutti gli eventi grandinigeni, rivelando nel decennio 2010-2021 una crescita media rispetto al decennio precedente di circa il 30% per entrambe le categorie di severità.

«Questo risultato sembra trovare piena aderenza con gli andamenti delle principali variabili climatiche alla base della formazione dei sistemi temporaleschi intensi» conclude Laviola. «Va comunque considerata la possibile incidenza del cambiamento climatico sulla frequenza, distribuzione e intensificazione di questi fenomeni, su scala globale e all’interno di hot-spot climatici, ovvero nelle aree climaticamente più vulnerabili».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui