IMOLA Oltre cinquanta militari dell’Arma, capeggiati dalla Compagnia carabinieri di Imola, hanno arrestato questa notte due albanesi di 29 e 24 anni, per l’acquisto e la vendita di cocaina. Sono quasi 400 gli episodi di spaccio contestati in favore di una quarantina di clienti imolesi. Nel corso delle indagini, i militari hanno appurato che il legame tra i due indagati era ben definito. I due albanesi erano in grado di vendere la droga avvalendosi di “pusher d’assalto” che si muovevano per le strade di Imola in sella alle proprie biciclette, mantenendo un profilo basso e camuffandosi tra la gente comune per consegnare la cocaina di prima scelta ai loro affezionati e benestanti acquirenti.

Per questo motivo, una decina di spacciatori, cinque stranieri e cinque italiani, tutti residenti a Imola e di età compresa tra i 24 e i 41 anni, sono stati denunciati a piede libero per lo stesso reato contestato ai due arrestati: detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le indagini erano partite alla fine del 2019 e sono proseguite anche in piena emergenza sanitaria da Covid-19. L’operazione è terminata poche ore fa con il sequestro di svariate dosi di cocaina, hashish, marijuana e circa 6mila euro in contanti.

I due albanesi sono stati tradotti in carcere, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Argomenti:

arresti

carabinieri

cocaina

droga

imola

spacciatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *