I Carabinieri di Forlì-Cesena hanno perseguito l’89% dei reati denunciati

Questa mattina al Museo San Domenico di Forlì, i Carabinieri del Comando Provinciale di Forlì-Cesena hanno celebrato il 208° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri. Il Colonnello Fabio Coppolino, comandante provinciale dell’Arma, alla presenza della cittadinanza e delle più alte autorità della Provincia, ha ricordato le difficili sfide che i carabinieri hanno dovuto affrontare nell’anno appena trascorso, ancora alle prese con pandemia e le richieste di sicurezza e libertà provenienti dalla cittadinanza.

Commovente il ricordo rivolto ai militari deceduti a causa della pandemia, onorati con un minuto di silenzio.

Nonostante la complessità del momento, i Carabinieri non hanno mai smesso di percorrere le strade delle nostre città, dai capoluoghi ai più piccoli e distanti comuni, accanto ai nostri cittadini. Il Comandante Provinciale ha ricordato, infatti, come nonostante siano trascorsi 208 anni dalla nascita, l’Arma ha mantenuto salde le sue radici, confermandosi capillare e stabile presenza nelle nostre comunità, riferimento indiscusso per tutti i cittadini

Perseguito l’89% dei reati denunciati

I risultati conseguiti dall’Arma di Forlì-Cesena fanno comprendere l’impegno profuso dal Comando Provinciale di Forlì-Cesena: nel 2021 l’Arma ha perseguito ben l’89% dei reati denunciati, incrementando rispetto all’anno precedente del 30% l’identificazione degli autori dei reati contro la persona, del 17% degli autori di reati predatori, del ben 114% degli autori di reati riconducibili agli stupefacenti e del 33% degli autori di delitti informatici.

Risultati di tale spessore posso conseguirsi solo se sussiste una perfetta sintonia con tutti gli attori della sicurezza e della giustizia; per tale motivo il Colonnello Coppolino ha voluto ringraziare il contributo e la disponibilità mostrata dalla Prefettura di Forlì, dalla Procura della Repubblica e dalle altre Forze di Polizia del territorio.

Il Comandante Provinciale ha concluso con un sentito riconoscimento per il lavoro svolto dai “suoi” Carabinieri, conscio che il futuro riserverà loro altrettante sfide ed altrettanti traguardi da raggiungere: “I carabinieri si confermano “cittadini tra i cittadini”, in grado di affrontare le mutevoli sfide che il loro tempo gli presenta, grazie alla professionalità ed alla dedizione che li contraddistingue da 208 anni, capaci di andare ben oltre i propri doveri per fornire sicurezza, pace e legalità alle nostre comunità, con visione nel futuro e sguardo alle tradizioni del passato.”

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui