Hera Business Solution: la circolarità “chiavi in mano”

In un momento di grave crisi energetica come quello che stiamo vivendo, diventa assolutamente strategico, anzi indispensabile, accompagnare le imprese verso una gestione sempre più sostenibile e circolare, disegnando insieme a loro nuove opportunità di crescita puntando sulla rigenerazione delle risorse naturali, l’allungamento del ciclo di vita utile di beni e risorse e l’utilizzo efficiente della materia.

È questo l’obiettivo di Hera Business Solution (HBS), la proposta multiservizio del Gruppo Hera per le aziende che desiderano raggiungere traguardi di sostenibilità misurabili e sempre più sfidanti in un’ottica di economia circolare, avvalendosi delle competenze di un unico interlocutore, e che comprende dalla gestione integrata di rifiuti, acqua potabile, depurazione, fino ai servizi di efficientamento energetico.

Una proposta globale di soluzioni integrate, energetiche e ambientali, sostenibili e chiavi in mano studiate per le singole imprese e che tiene conto della loro complessità.

Inoltre, poiché attraverso i numeri è possibile analizzare meglio i processi e gli impatti, per attivare azioni di miglioramento e rendicontare in modo trasparente ai propri stakeholder, HBS comprende anche un report, il Circular economy report, che riepiloga le performance di sostenibilità ottenute dalle aziende nei vari ambiti: ad esempio, il recupero dei rifiuti gestiti, le emissioni di gas serra evitate, l’energia rinnovabile utilizzata e l’energia primaria risparmiata grazie agli interventi di efficienza.

Con Fruttagel recuperato il 100% dei rifiuti e ridotto del 40% il consumo di energia

Un esempio significativo è costituito dalla collaborazione con Fruttagel, primaria azienda del settore agro-alimentare: nel primo Circular economy report sono stati rendicontati i benefici ottenuti nel primo anno di applicazione del protocollo HBS in ambito economia circolare, rigenerazione delle risorse ed efficienza energetica. Nello specifico, nello stabilimento di Alfonsine nel 2021 è stato recuperato il 100% dei rifiuti non pericolosi prodotti nel ciclo di produzione (pari a 15,6 kg/tonnellata): avendo sottratto questi scarti alla discarica, si è evitata anche l’emissione di 980 tonnellate di anidride carbonica. Il recupero è stato fatto anche sull’idrico: oltre il 20% delle acque in uscita dal depuratore, una volta filtrate e disinfettate, è stato impiegato per usi interni, tipo lavaggio di piazzali e attrezzature. Sul fronte dell’efficienza energetica, è diminuita del 40% l’energia consumata per il trattamento dei reflui del depuratore, evitando così l’emissione di 307 tonnellate di CO2 in un anno.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui