Guenzi e Borghesi al teatro Pazzini di Verucchio

Il Pazzini di Verucchio conclude la sua stagione con un appuntamento di teatro contemporaneo: ad aprire il sipario per l’ultima volta questa sera è la compagnia teatrale Kepler-452in Capitalismo magicocon in scena Lodo Guenzi, Nicola Borghesie un pianoforte. Nata nel 2015 a Bologna, la compagnia si è contraddistinta fin dall’inizio per la sua ricerca artistica che ha portato il gruppo fuori dai teatri, nelle strade e nelle periferie per osservare la realtà attraverso la lente della scena.

Tra i lavori di Kepler-452 si ricordano “Il giardino dei ciliegi. Trent’anni di felicità in comodato d’uso”, spettacolo vincitore nel 2018 del Premio Rete Critica, “F. Perdere le cose” e “Gli altri. Indagine sui nuovissimi mostri”.

Capitalismo magico è una passeggiata di due amici di una vita, soli in scena, Nicola Borghesi e Lodovico Guenzistorditi e disorientati nell’alba dei trent’anni, alla ricerca di ciò che nella realtà ancora pulsa di una viva, inspiegabile, perturbante magia. È il tentativo di accendere un fuoco partendo da poche scintille e guardarlo ardere rapiti per poi pensare, anche solo per un istante che, forse, un’alternativa da qualche parte c’è.

«“There is no alternative”, amava ripetere Margaret Thatcher, riferendosi, naturalmente, al capitalismo – spiega la compagnia –. A noi che abbiamo trent’anni oggi non ce lo hanno nemmeno mai detto, tanto era evidente. Il cammino della nostra vita dentro il capitalismo sembra a volte la traversata di una landa desolata che perde via via linfa e colore. A volte la notte non dormiamo, stretti al cuore e alla testa da una strana ansia che non sappiamo dire, pieni di domande vaghe e spaventose. Forse è il terrore che si spengano anche le ultime scintille di non identico che stanno dentro e fuori di noi. Come sempre la risposta è fuori dalle mura di casa, all’esterno, in una passeggiata. Forse camminando possiamo cogliere ciò che, dentro al capitalismo, ancora non è identico, conserva una propria forza autonoma, una sorta di sottile magia che viene da lontano e ancor più lontano conduce».

Buio in sala alle 21.15.

Info e prenotazioni: 320 5769769

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui