Gnassi a nome di Rimini alla manifestazione contro l’odio con la Segre

“E’ con orgoglio e responsabilità  che partecipo, a nome della città di Rimini, a questa manifestazione contro l’odio”, lo ha scritto il sindaco di Rimini Andrea Gnassi in una nota annunciando la sua partecipazione domani a Milano alla manifestazione ‘L’odio non ha futuro’. L’iniziativa è organizzata da Anci (Associazione nazionale comuni italiani), Upi (Unione province italiane) e Ali (Autonomie locali italiane). Sarà presente la senatrice a vita, Liliana Segre. “Con orgoglio – aggiunge Gnassi -, perché  dal 1964 la nostra Amministrazione Comunale promuove un progetto educativo rivolto a tutte le scuole che abbiamo chiamato Attività di Educazione alla Memoria. Un progetto che vuole offrire alle giovani generazioni un’opportunità  di studio della storia della dittatura fascista e nazista, e in particolare far conoscere quella pagina ignobile delle leggi razziali condussero il nostro Paese verso la barbarie, condannando poi a morte cittadini italiani come l’onorevole Liliana Segre e la sua famiglia, per la sola colpa di essere nati ebrei”.

Tra l’altro, il tema su cui centinaia di ragazzi delle scuole di Rimini stanno lavorando dal mese di ottobre è proprio quello della lingua dell’odio, per capire come si forma l’immagine del nemico, dell’altro, del diverso e come si alimenta con parole e immagini quella gerarchia tra gli umani che serve a legittimare pratiche di discriminazione e di violenza. “E partecipo con grande senso di responsabilità , perché  combattere l’odio e tenere viva la memoria dei crimini commessi non è  un esercizio retorico, né  un appuntamento legato solamente al calendario civile, ma è un impegno costante che Rimini vive ogni giorno, non solo attraverso la nostra Attività  di Educazione alla Memoria che dura un anno intero e oltre ai giovani coinvolge tutta la cittadinanza, ma tenendo alta la soglia dell’attenzione anche denunciando con fermezza quegli apparentemente piccoli fenomeni di razzismo e di violenza verbale, solo superficialmente innocui, che possono scavare fossati tra le persone e innalzare muri. Rimini ha fatto dell’accoglienza una filosofia di vita e del valore della memoria storica un punto centrale della sua identità . E’ mostrandosi fermi e uniti nel condannare ogni forma di odio che il ricordo del male del passato può diventare diventa azione politica. I tempi sono difficili ma non possiamo cedere, non solo per quello che rappresentiamo qui oggi ma per le persone che vogliamo essere nella nostra vita”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui