Gli alberi malati di viale Mazzoni a Cesena sostituiti in 20 giorni

CESENA. A tre settimane di distanza dal taglio di due degli alberi di viale Mazzoni, che tanto aveva fatto discutere, è avvenuta la sostituzione. Si trattava di un tiglio e di un ippocastano, che – è stato spiegato dal Comune – c’è stata la necessità di tagliare perché erano malati e quindi erano diventati instabili, e di conseguenza pericolosi. Lo avevano accertato “radiografie” eseguite sui tronchi dagli specialisti della società “Agri 200” e una volta sezionati c’è stata una conferma anche visiva del fatto che la parte interna delle piante era deteriorata.

Da più parti era stata comunque evidenziata l’esigenza di rimpiazzare gli alberi con altri di dimensioni significative. Un impegno in tal senso era stato preso dall’amministrazione comunale, e così è stato in tempi rapidi: il patrimonio arboreo che arricchisce il viale che conduce fino a piazza del Popolo è è stato rinfoltito con due tigli della stessa specie di quelli già esistenti.

Si è così anche dissolto un timore che era stato espresso: la “regola” del rimpiazzo delle piante eliminate in un rapporto di almeno uno a uno (che da diversi anni viene non solo rispettato ma ampiamente superato) non contempla che i nuovi esemplari debbano essere posizionati nello stesso punto in cui sono avvenuti gli abbattimenti, e invece in questo caso le cose sono andate così. Una soddisfazione in più per i cittadini, e anche forze politiche come Cesena siamo noi, a cui stava a cuore questo aspetto.

«La piantumazione fatta in tempi rapidi – commenta l’assessore ai Lavori pubblici Christian Castorri – testimonia la sensibilità dell’amministrazione comunale rispetto alla necessità di manutenzione di un viale alberato che rappresenta per tutti un patrimonio da preservare».

I due alberi di viale Mazzoni facevano parte di un gruppo di 27 piante in varie zone del territorio cesenate di cui si è stato di recente effettuato o programmato l’abbattimento, in quanto pericolose. Si tratta di un tiglio nell’area ex Gil, un cipresso, una sofora, un tiglio e due ippocastani nel Parco della Rimembranza, un tiglio in via Angeloni, quattro tigli in via Baracca, una quercia in via Battistini, un platano in via Cervese, dalle parti di Pioppa, tre platani in via Dismano, un tiglio in via Emilia Levante, un olmo in via Fiorenzuola, un acero in via Montanari, un platano in via Piave, due pini in viale Carducci, due platani in viale Marconi, un platano in viale Oberdan.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui