Giungla social: dona un milione e riceve gli insulti

Può una persona donare un milione e mezzo di euro alla chiesa per farne un centro per l’accoglienza dei genitori dei bambini oncologici, degli anziani e dei giovani e riuscire a farsi dare pubblicamente del pirla? Nel 2019, purtroppo, sì. Succede sulla pagina Facebook “Qui Bellaria Igea Marina 2”, dove ogni giorno vengono fotografati e pubblicati, in barba alla legge sul copyright, gli articoli dei giornali locali. Articoli che però, nonostante siano rubati e di conseguenza non comportino un costo da sostenere, non vengono neppure letti. Ci si limita al titolo e poi si commentano i commenti successivi. Si argomenta che con quei soldi si sarebbero potuti aiutare anziani e bambini (cosa che succederà a Casa Paola, che aprirà domenica 26 accanto alla chiesa del Villaggio Primo Maggio a Rimini, come documentato nell’articolo), ce la si prende con i politici (anche se in questo caso non c’entrano assolutamente nulla) e si finisce con insultare il benefattore. Un “pirla” che si è tolto un milione e mezzo di euro dal patrimonio familiare per aiutare il prossimo come aveva concordato con la moglie prima che morisse. Viviamo in un bel mondo…

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui