Un giorno scendono in strada per ripulire il mare dalla plastica, un altro giorno riempiono le piazze per ripulire la politica dall’odio, ora manifestano anche per ripulire le nostre abitudini, come lo shopping, dal consumismo che inquina e non rispetta i diritti dei lavoratori. Ma cosa vogliono questi giovani, che si chiamino sardine o fridays for future? Vogliono dirci che non gli piace come stiamo “apparecchiando” il loro futuro. Alcuni sono manipolati dai partiti? Alcuni vogliono solo marinare la scuola? Può anche darsi, ma sinceramente non mi cambia la vita. Me la cambierebbe un po’, invece, provare ad ascoltarli. E cioè fare un po’ di pulizia nel nostro ambiente, nei nostri toni, nelle nostre abitudini. E se non siamo pronti per fare tutte le grandi pulizie che loro si auspicano, almeno possiamo incominciare a ripulire qualche angolino della nostra vita quotidiana. Un po’ alla volta.

Argomenti:

fridays for future

giovani

sardine

Roberto Masini
About the Author

Direttore responsabile. Riminese, classe 1964, tra i soci fondatori che diedero vita all'esperienza del Corriere Romagna nel 1993.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *