Giornata della memoria, ecco cosa far leggere ai vostri figli

Primo Levi, scrittore sopravvissuto agli orrori dello sterminio nazista, sosteneva che «se comprendere è impossibile, conoscere è necessario». Ed è proprio per tenere vivo il ricordo di uno dei periodi più neri dell’umanità che si è istituita la Giornata della memoria, scegliendo come data il 27 gennaio perché proprio in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata rossa oltrepassarono i cancelli di Auschwitz. Ogni anno le case editrici offrono ai lettori young libri differenti per taglio e target d’età ma accomunati dalla volontà di far riflettere i ragazzi su questo tema.

LE PROPOSTE

Dedicato ai giovanissimi lettori a partire dagli otto anni, Sassolino (Caissa Italia) di Marius Marcinkevičius è l’intenso albo illustrato che racconta la vita dei bambini nel ghetto e fa conoscere la vicenda del bosco di Paneriai, in Lituania, dove morirono migliaia di ebrei, polacchi, russi e lituani; avvalendosi delle illustrazioni poetiche e simboliche di Inga Dagile, l’autore narra la storia di un’amicizia, quella fra Rivka e Eitan, che improvvisamente vivono l’orrore della separazione e della persecuzione nazista, per poi ritrovarsi grazie a un sassolino, simbolo di speranza e sopravvivenza. Marius Marcinkevičius, “Sassolino”, Caissa Italia Editore, Cesena-Bologna, 2021, pp. 48, euro 15,90

Da ricordare anche Nicky e Vera (Rizzoli), splendido libro illustrato firmato dal pluripremiato Peter Sís e incentrato sulla vita dell’inglese Nicholas Winton che nel 1939, mentre l’ombra scura del nazismo si allungava sull’Europa, riuscì a far fuggire da Praga 669 bambini, su treni diretti in Inghilterra. Una storia scoperta solo 50 anni dopo dalla moglie e impreziosita da oniriche illustrazioni. Peter Sís, “Nicky e Vera”, Rizzoli, Milano, 2021, pp.78, euro 18,00

Pensati per giovani lettori dai 10 anni, da segnalare tre volumi usciti in casa Piemme e scritti da autori che hanno vissuto sulla propria pelle l’orrore della persecuzione ebraica. Partiamo con Sulle ali della speranza in cui Bruna Cases narra di come nel 1943, a soli nove anni, abbandonò il Paese per rifugiarsi in Svizzera grazie ai “contrabbandieri”, uomini che per denaro accompagnavano al confine gli ebrei; partendo dal diario originale dell’autrice – riprodotto in anastatica – il libro accompagna alla scoperta del dramma vissuto dalla giovanissima protagonista, dalle leggi razziali del 1938, attraverso lo scoppio della Seconda guerra mondiale fino ai bombardamenti su Milano e alla decisione di tentare la fuga verso un Paese neutrale. Bruna Cases, “Sulle ali della speranza”, Piemme, Milano, 2022, pp. 186, euro 14,00

Da segnalare poi Dal pianto al sorriso della giornalista Lia Levi, che – durante la nera pagina dell’antisemitismo in Italia – si salvò insieme alle sorelle, trovando rifugio in un collegio di suore. Il libro nasce grazie al ritrovamento, nel 2021, di un breve romanzo scritto dall’autrice durante la guerra, quando aveva solo dodici anni, che – riprodotto anastaticamente in appendice insieme ad alcune foto originali – è ambientato nel periodo delle leggi razziali e vede protagonista una famiglia ebrea, frutto della fantasia ma non per questo meno “possibile”; a impreziosire il volume un dialogo immaginario tra la Lia di oggi e quella di tanti anni fa, un toccante confronto sul filo della memoria e dell’importanza di ripercorrere il passato. Lia Levi, “Dal pianto al sorriso”, Piemme, Milano, 2021, pp. 116, euro 14,00

Infine, la riedizione, illustrata da Pia Valentinis attraverso tavole meravigliosamente realizzate con la tecnica del tratteggio, di Scolpitelo nel vostro cuore della senatrice a vita Liliana Segre, che in questo volume ricorda l’infanzia a Milano, le leggi razziali, il tentativo di fuga verso la Svizzera, la deportazione ad Auschwitz quando aveva solo tredici anni e il ritorno in patria, unica bambina a tornare dopo la partenza di quel treno dal binario 21 della Stazione Centrale di Milano: un volume intenso, una testimonianza «che finisce bene» e che è capace di diventare un monito per le generazioni future e al tempo stesso un pegno «a tutti quelli che non sono diventate quelle persone che sarebbero state, se non fossero state sterminate per la colpa di essere nate». Liliana Segre, “Scolpitelo nel vostro cuore”, Piemme, Milano, riediz. 2021, pp. 110, euro 16,50

Tra le varie proposte edite da Mondadori, I miracoli esistono di Sara Rattaro che, con delicatezza e intensità, ricostruisce la vicenda di Giorgio Perlasca, commerciante italiano che, fingendosi ambasciatore spagnolo, accolse oltre cinquemila ebrei ungheresi, salvandoli così dalle camere a gas. Arricchito dalla prefazione di Franco Perlasca, presidente della Fondazione Perlasca e figlio di Giorgio, il libro, pensato per un target a partire dagli 11 anni, crea un filo tra Alice, giovane adolescente che si muove nel 1987, e Brigitte, ebrea ungherese da molti anni in Italia e testimone della grande opera dell’“impostore”. Sara Rattaro, “I miracoli esistono”, Mondadori, Milano, 2021, pp. 176, euro 16,00

Dedicato sempre a lettori a partire dagli 11 anni, La fisarmonica verde – scritto da Andrea Satta, cantante dei Têtes de Bois e pediatra nella periferia romana – è il racconto di un viaggio, quello che l’autore compie insieme al figlio alla volta del campo di Lengenfeld, dove suo padre Gavino venne imprigionato in quanto Imi (internato militare italiano) in seguito all’armistizio dell’8 settembre: la storia di un uomo normale e al tempo stesso la celebrazione dell’importanza della memoria, quella che permette un futuro migliore. Andrea Satta, “La fisarmonica verde”, Mondadori, Milano, 2022, pp. 108, euro 16,00

L’aquilone di Noah (Uovonero edizioni) di Rafael Salmerón è invece la storia di Noah Baumann, ebreo, autistico, chiuso in un mutismo che lo rende diverso e legatissimo a un oggetto speciale, l’aquilone dal quale non si separa mai e che gli regala attimi di piena felicità. Ambientato a Cracovia durante la Seconda guerra mondiale – quando nel 1939 inizia a farsi pesante la campagna di discriminazione contro gli ebrei, che vengono confinati nel ghetto – e pensato per un target a partire dai dodici anni, il romanzo intreccia il dolore della Shoah, il tema della diversità e la necessità di non perdere mai la speranza. Rafael Salmerón, “L’aquilone di Noah”, Uovonero edizioni, Crema, 2022, pp. 226, euro 15,00

Sharon Cameron è l’autrice di Una luce oltre il buio (DeA), romanzo tradotto in 18 lingue, dedicato a lettori dai quattordici anni e incentrato sulla vita di Stefania Podgórska, sedicenne polacca che – in un momento storico in cui la normalità si era persa – combatté contro il nazismo che l’aveva privata di Izio, suo primo grande amore, e salvò tredici ebrei, nascondendoli in casa propria. Sharon Cameron, “Una luce oltre il buio”, Dea, Milano, 2022, pp. 276, euro 16,90

Stesso target di lettura per Rutka. La bambina segreta (Rizzoli) di Joanna Fabicka, emozionante narrazione dell’amicizia tra due bambine coetanee di epoche diverse, splendidamente illustrato da tavole coloratissime ed evocative: Zosia, grazie alla bizzarra zia Róza, conosce Rutka, la vicina che la bambina non sapeva di avere e che la trasporta in un mondo di magie e avventure, in cui realtà e fantasia si fondono e in cui Łódz rivive le storie di dolore degli ebrei durante la Seconda guerra mondiale, in un caleidoscopico susseguirsi di personaggi intensi e capaci di riportare il lettore nella Polonia devastata dalla guerra. Joanna Fabicka, “Rutka. La bambina segreta”, Rizzoli, Milano, 2021, pp.226, euro 16,00

Chiudiamo con Irma Kohn è stata qui (Rizzoli), dell’ebraista piacentino Matteo Corradini che da anni si occupa di didattica della memoria; il libro, nato come testo teatrale, è ambientato a Konigsberg, nel periodo di fine guerra, e racconta della sedicenne ebrea Irma, salvata dalla deportazione, che si rifugia in un bordello, dove cambia identità: un romanzo intenso e drammatico, dove i personaggi – come Wolf, ufficiale nazista responsabile di tante uccisioni, Kat, membro del consiglio ebraico che reprime la sua umanità, o ancora il folle e imprevedibile Sergej – si muovono sempre sulla linea sottile e commovente che separa il bene dal male, alla ricerca del proprio posto nel mondo devastato dagli strascichi della guerra.Matteo Corradini, “Irma Kohn è stata qui”, Rizzoli, Milano, 2021, pp.349, euro 16,00

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui